La Fée Verte

Il locale è quello di una mia cara amica. Con me, Giuliano e un po’ di suoi colleghi, che per strani incroci lavorativi sono sostanzialmente anche miei colleghi.
I bicchieri sono due; uno che acqua e ghiaccio, il secondo più piccolo, verde. Piccolo sì, ma colmo. Era un po’ che avevo voglia di assenzio, ma fino ad ora ne ho sempre bevuto pochissimo, a casa mia. Per una volta mi andava di berlo in compagnia.
Contemplo il bicchiere. Sarà almeno almeno dieci volte quello che bevo di solito. Ma è una festa. C’è gente seduta qui che non vedrò a lungo, che già domani partirà per l’america, e poi c’è chi dà l’addio alla ricerca, proprio nel giorno del trionfo. E poi ci sono io, il mio libro nuovo, la casa appena presa. C’è da festeggiare, non c’è dubbio.
Inizio a berlo puro, lo zucchero adagiato sul fondo del bicchiere. Mi riempie la bocca dei suoi fumi, mi scende bruciante per la gola e mi riscalda lo stomaco. Tolgo il piumone e resto col maglione.
Sorsi lenti, distanziati, per dar tempo al mio cervello di ingranare. Ma non bevo sul serio da secoli, e il mio corpo non è più abituato all’alcool. Così i contorni lentamente stemperano in una soffusa aria di irrealtà. Le persone attorno a questo tavolo, la musica di sottofondo, le risate e le chiacchiere. Il bicchiere davanti a me, il ghiaccio che lento si scioglie, e il fuoco in bocca. La realtà perde di consistenza, sciogliendosi in un continuo altalenante, in un precario universo in bilico. Gira tutto, tutto oscilla pur restando fermo.
Verso un po’ d’acqua in quel che resta dell’assenzio. Cerco di tamponare prima che sia troppo tardi, ma troppo tardi lo è già.  Mi sembra di aggrapparmi con le unghie e coi denti al tavolino che ho davanti, alla coversazione che procede fluida, troppo fluida per me. È come quando mi tolsero il dente del giudizio, e stavo per svenire. Aggrapparsi a quel minimo di lucidità che senti, e tirare, tirare, tirare. Così ora. Faccio una fatica folle a non volteggiare sopra il tavolo. A rispondere quando mi chiedono qualcosa. E per dimostrare a me stessa che non sono ubriaca, cerco di usare più paroloni possibili, per finire poi ad inciampare sulle cifre che cito. Mi chiedo se la gente mi guardi stranita, mi chiedo come appaio dall’esterno, se si nota lo sforzo per non lasciarsi andare al turbinio delle cose che ruotano.
Il bicchiere è vuoto e io cerco di contrastare il mal di mare. Mi dico che ho fatto un errore, settanta gradi sono decisamente troppi per questa mezza astemia che sono diventata, un’astemia a cui piace la weissbier e il liquore fatto in casa. Non che per la verità me ne freghi poi troppo.
Mi butto sulle gambe di Giuliano. Adesso ho anche sonno, e gli appoggio la testa dietro al collo. Quando chiudo gli occhi non ho punti di riferimento, e allora lascio che il valzer parta. Giro, e giro, e giro, come se stessi sul piatto di un giradischi.
Quando usciamo mi ci vogliono buoni dieci minuti per sentire il freddo. Proprio come quando ero a Monaco, e uscivo dai pub forte di mezzo litro di birra a scaldarmi le vene. Cammino tutto sommato bene, evidentemente sto smaltendo la sbornia. Ho il singhiozzo che non va via, e devo concentrarmi. Se devio dal binario rischio di cadere.
In macchina non riesco a tenere gli occhi aperti. Sono le due, è stata una giornata davvero pesante, e ho bevuto troppo. Sono convita che non dormirò, con tutto questo dannato girare del mondo. Mi metterò a letto e mi sembrerà di stare su una nave, e finirò per rigirarmi tra le coperte a lungo.
Invece perdo i sensi appena appoggio la testa sul cuscino, e rinvengo al suono della sveglia alle 9.00 del mattino, con un mal di testa che levati, e il senso di colpa di aver bevuto troppo. Quanto fa ingrassare un bicchiere di assenzio?
Morale della favola: Licia, quando esci con gli amici, mai più una cosa che superi i dieci gradi di gradazione alcolica.

fee_verte.JPG

P.S.
Oggi Fantasy Magazine pubblica un bellissimo articolo su La Ragazza Drago. Trovate una copertina provvisoria, la quarta, e un riepilogo puntualissimo e molto interessante sugli indizi che vi ho dato finora. È una piacevolissima lettura che vi consiglio

La Ragazza Drago 

43

43 risposte a La Fée Verte

  1. Miky scrive:

    C’è ancke chi i denti del giudizio propio nn li ha !!! Per quel che riguarda l’alcool , per il momento io mi temgo alla larga !!!! Un bacio !

  2. Pera scrive:

    Forse xchè nel Mugello già in seconda superiore ti trovi allegramente disperso nei fumi dell’alcool cantando: “l’acqua fa male i vino fa cantare” oppure “bevean i nostri nonni, bevean i nostri padri e noi cosa facciam: beviam beviam beviam” abbiamo una certa cultura sull’argomento….. però mi sento di dire che non siamo degli alcolizzati. Anzi raccomando vivamente di non bere prima dei 18 visto che in fase adolescenziale il fegato ne risente parecchio. Dopo uno può anche bere 1 volta tantum alle feste con gli amici basta avere un minimo di cervello e non prendere la macchina. Come tossicologo vi sconsiglio i super-alcoolici sopratutto (scusa Licia) alle donne, statisticamente più a rischio.
    Concludo con un detto fiorentino di dubbia moralità: “L’acqua fa ruggine”.
    PS: nelle cronache la parte che più faceva ridere era Nihal ubriaca ;)

  3. Nimrodel scrive:

    Una mia amica mi ha fatto assaggiare la cioccolata all’assenzio…era proprio buona!

  4. Ai scrive:

    …the hiiiiills are aliveeee with the sound of muuusiiic…
    w il moulin rouge!

  5. gernaso scrive:

    Se mi passi l’espressione……..”ma che gran cu.o”, lo dico con sana invidia e senza volgarità, ma che darei per farmi un bicchiere verde anche io e laciare i pesia terra e roteare un pò. A volte il modo migliore di ritrovare la giusta via è quella di smarrirla…. almeno per un pò. Come sempre con ammirazione gernaso.

  6. Deedlit89 scrive:

    Io mi sono ubriacata solo una volta in vita mia, e da lì basta alcolici!! Era la gita in seconda superiore, tre giorni in toscana… devo dire che reggo bene, la mattina nn avevo neanche mal di testa…però odio il bruciore nello stomaco…
    Cmq, direi che ora mi sento come se avessi bevuto… la testa mi galleggia e gli occhi mi si chiudono… ma non posso non dire che il libro mi interessa un casino, non riuscirò a tenere a freno la mia curiosità fino ad aprile, ed è vero, mi sembra diverso da tutto ciò che hai scritto finora, ma sono eccitata all’idea di vedere questa novità!!
    Bella anche la copertina!
    Ok ora vado a letto ke è meglio!!!
    saluti!! ronf…

  7. Aster45 scrive:

    Licia: ti do un consiglio. E’ meglio che non bevi prima di scrivere un capitolo del libro: ammesso che tu ci riesca, chissà quali idee trasgressive potresti scrivere su LA RAGAZZA DRAGO! Magari potresti intendere il titolo come l’unione tra una ragazza e un drago… non ci voglio pensare… spesso la sbornia fa uscire il lato più nascosto di te. (e Valberici ne sa qualcosa… vero? Tu e il tuo grappino)

    W LA SBORNIA!!! (io il massimo che posso permettermi è l’amaro del frate… non mi stupirei se il frate assaggiatore avesse vomitato, dopo esser passato a fare il controllo del mio…)

  8. G. scrive:

    “Morale della favola: Licia, quando esci con gli amici, mai più una cosa che superi i dieci gradi di gradazione alcolica.”

    Ma come mai più?
    Devi ripetere anche con noi, anche io ti voglio vedere ubriaca, magari che balli pure sul tavolo! :P

  9. JoX scrive:

    ma su ma su un po’ di alcool non fa male a nessuno (parlo proprio io che ho rischiato la sbronza con la birra…)

    L’importante è essere coscienti e… avere qualcuno che ti riporta sana e salva a casa! :D

  10. MAX scrive:

    licia non ubriacarti mai più…fa male ed è anche pericoloso!!

  11. Valberici scrive:

    Licia & Fab: meglio questo post allegro che non la tristissima campagna elettorale (che di questo poi si tratta).
    Che se ci penso mi fa venire il voltastomaco :(

  12. Licia scrive:

    Gaspa: :P . Tu eri presente, rassicura il pubblico sul mio comportamento ieri sera :P
    Anyway, non trascinarmi nel triste vortice del conto delle calorie, che sarei capace di cercare una tabellina che mi indica il contenuto calorico dell’assenzio paragonato a quello della weissbier…

  13. gaspa scrive:

    che cattivo esempio….

    ma la weiss è calorica, accourta..

  14. Licia scrive:

    Fab: hai indovinato, ne avrei parlato, in effetti, se non mi fossi divertita a scrivere questo :)

  15. moko scrive:

    no no licia nn farlo mai piu! Nn vorremmo ke la previsione dl tuo penultimo kommento si avveri! Io ho 15 e gia mi ubriaco cn acqua e koka kola qnd figuratevi se cevo alkolici! Cmq il libro m attira un kasino sia kopertina ke titolo e storia! Nn vedo lora d poterlo avere! W licia!

  16. Gisella scrive:

    Quella che ha avuto un incontro ravvicinato con l’assenzio di Praga è… mia sorella! Io… uhm… solo poco. Waiss e liquorino casalingo. Qualche drink pieno di ghiaccio ogni tanto. Il vinello, però, quanado c’è… ;-)

  17. Licia scrive:

    Lun4: yep, legalissimo. Per chi fosse interessato, la triste e travagliata storia dell’assenzio

  18. Lun4 scrive:

    ma in Italia non è illegale l’assenzio??
    ..a barcellona si vendeva tranquillamente nei supermercati ma non ho avuto il coraggio di berlo!cmq l’assenzio blu è quello più tosto con i suoi 80° e poi una sbornia ogni tanto nn fa male :D

  19. Licia scrive:

    Non è che intendevo fare l’elogio dell’abuso di superalcolici; uno perché non ne ho effettivamente abusato, visto che la serata non è finita con me che ballavo nuda sul tavolo :P , due perchè da quando ho cambiato regime alimentare non bevo praticamente più, se non quando vado in qualche pub con gli amici, e mi concedo al massimo il quarto di weiss.
    Bere ogni tanto non vuol dire essere alcolizzati, non bere sotto i sedici/diciotto è cosa buona e giusta :P

  20. Cloud scrive:

    Beh io sono astemio per il semplice fatto che gli alcolici proprio non mi piacciono (salvo qualche piccola e rara eccezione :P ) quindi posso dire ben poco sulla tua sbornia.

    Per quanto riguarda la copertina sono curioso anch’io di sapere se sia di Barbieri mentre per il libro (soprattutto per il fatto che stavolta non è un fantasy ma un fantastico) mi incuriosisce e non poco. Mi hanno anche sempre attirato le leggende di Odino e del Ragnarok… ^^

  21. Nimrodel scrive:

    Quando sono fuori con amici non prendo neanche la 0,2…

  22. cabo scrive:

    oh…tt che parlano di bere e alcolici…io ho solo 14 anni cosa t poxo commentare….almeno il libro mi ispira e nn poco…

  23. Ai scrive:

    Sesshomaru, tu che l’hai vissuta dall’esterno, com’era la Licia brilla?
    Si notava lo sforzo che faceva per far finta di niente? :D

  24. sesshoumaru80 scrive:

    merilin: Vabbè, non si parla mica di diventare alcolizzati, da maggiorenni un bicchiere di birra con gli amici non ha nulla di sbagliato.

  25. merilin scrive:

    mia mamma mi corregge “non avrai mai l’eta’ per bere” comunque io non ho intenzione di iniziare

  26. merilin scrive:

    aaa io non ho l’eta’ per bere quindi non posso dire nulla su questo fatto…mia mamma controlla ancora quanta coca cola bevo e la posso bere al massimo 1 volta al mese.
    comunque non e’ obbligatorio togliere i denti del giudizio vero???cioe’ se non ti ballano puo’ anche succedere che non ti ballino mai varo??? fortuna che a me non sono ancora cresciuti,anzi non ho ancora tolto tutto l’apparecchio me ne hanno tolto meta’ la settimana scorsa dopo due anni e mezzo che lo portavo per l’altra meta’ ci vorra’ ancora 1 po’ …comunque volevo chiederti LICIA se puoi rispondermi a queste domande sui dannati di malva: bellissima la trama,ma non farai mai dei personaggi simili alla mitica Dubhe???
    poi
    1)ci puoi fare una descrizione fisica del personaggio prima che parta per il viaggio,,,dalla trama ho solo capito che ha dieci anni
    2)la storia si svolgera’ in un arco di tempo ampio quanto quello delle cronache ???quindi passeranno anni dall’eta’ che ha il personaggio all’inizio della sua avventura fino alla fine??? o si svoge in un arco di tempo limitato???
    3)nel suo viaggio il personaggio verra’ accompagnato da qualcuno (come succede solitamente nei tuoi libri )o sara’ totalmente solo contro i cattivi???
    comunque la trama mi affascina sono certa che anche questo libro sara’ un’altro capolavoro
    attendo la sua uscita come quella del libro cui ci dai indizi ma soprattutto attando l’uscita di un altro libro sulla sorte del mondo emerso

  27. Fabrizio scrive:

    … P.S: ho battuto il record degli errori di battitura in un solo commento!

    Ri-Fab

  28. Fabrizio scrive:

    Quest’estate a Tremiti i mitici parenti della girlfriend hanno offerto il Finocchietto. Trattasi di liquore fatto in casa, simile al limoncello, ma con il finocchietto selvatico.
    Era buonissimo.
    Il migliore che abbia mai assaggiato.
    Ma dopo cinque bicchieri mi stavo seriamente chiedendo il perchè di tutti quei fondi dati alle missioni spaziali.
    Io dalla Luna avevo già fatto l’andata e il ritorno!!

    OFF TOPIC, ho scritto un post serio sul blog. Niente disegni, appena un bollino grafico.
    Ma sarei contento che gli dessi un’occhio, perchè secondo me ci hai pensato anche tua all’argomento e ho il dubbio che forse ne parlerai.

    Saluti alcolici

    Fab

  29. Ai scrive:

    a me il titolo piace…ma chi ha disegnato la copertina??

  30. Licia scrive:

    Pamela: quello che mi è capitato di bere sa molto di anice, ma ha un retrogusto quasi amarognolo, ed è fortissimo.
    Anyway, hai ragione, è una cosa diversa da quel che ho scritto finora :)

  31. Sarei curiosa di assaggiare l’assenzio… Più che altro, ho cominciato a sviluppare questo desiderio dopo aver visto Johnny Depp berlo nella vasca da bagno nel film Jack Lo Squartatore!^^
    Però neanch’io reggo molto bene l’alcool…
    La copertina della Ragazza Drago è magnifica! Spero tanto che non cambi… Per quanto riguarda il titolo, non è che mi faccia impazzire. La trama, comunque, mi attira moltissimo. Mi sembra completamente diverso da tutto ciò che hai scritto finora: sono troppo curiosa!

  32. L’assenzio…mi fa ricordare tanto From Hell e il mio viaggio a firenze…il primo viaggio da solo della mia vita. Festeggiamo con un assenzio a 65 gradi, sapeva di liquirizia…meglio i liquori della mia isoletta nel golfo di napoli, tra limoncello, crema di limoncello e rucolino. Per non parlare dei vini locali…ok ok smetto di fare l’alcolizzato che non sono in fondo….
    Ci vorrebbe una sbronza per dimenticare, in fondo ieri…è iniziata la mia nuova vita, e non c’è da ridere.
    Quando anche gli amici ti piantano in asso, si può solo procedere…un sorso lo berrò, alla loro stupidaggine e soprattutto alla mia.
    Hic

  33. Ai scrive:

    …paura e terrore…
    grazie Licia e Val…

  34. ….ahahahah Licia non ti credevo ‘na imbriacona XD Io sono astemio e astemio rimarrò a vita! Comunque molto interessante l’articolo su “La Ragazza Drago” ^^

    X-Bye

  35. melusina76 scrive:

    Capisco benissimo la tua sbornia… a me viene un sonno che praticamente la serata finisce lì :-/

    Ho letto l’articolo su FM… la copertina è molto carina e anche la trama mi è piaciuta moltissimo! Ma davvero il titolo è ancora provvisorio? Sarò sincera, a me non piace tantissimo… che ne diresti di qualcosa tipo “Il dono di Thuban”? Il nome della stella è proprio evocativo e lo metterei nel titolo… IMHO

  36. morgwen scrive:

    ciao licia :)
    per quanto riguarda l’assenzio, io non l’ho mai provato :) e credo che se lo bevessi, avrei lo stesso tuo effetto.

    Per quanto riguarda il libro, credo che sarà un amore e odio, per questo non ne ho mai parlato. Purtroppo, ho dovuto studiare tutta la mitologia norrena per un esame di filologia germanica all’università, che ho ho odiato tanto, perchè l’ho dovuto ridare ben 6 volte. Ho odiato l’albero, il frassino, ho Odiato Odino, ho odiato il ragnarok (tra l’altro era una mia domanda d’esame). Spero con questo libro di potermi ricredere :)

  37. Valberici scrive:

    Ai: quando mi han tolto i primi due denti del giudizio non ho sentito nulla.
    Coi secondi due sono quasi morto, non per il dolore ma perchè ho tardato a farmeli togliere e mi è venuto un trisma mandibolare più gonfiore, praticamente soffocavo.
    Quindi se devi toglierli fallo il prima possibile ;)

  38. Licia scrive:

    Ai: dipende. A me ha fatto male, ma non è detto che a tutti deve andare così. Una mia amica ha fatto lo stesso intervento che devi fare tu, e non è stata particolarmente male. A me, ad esempio, il denta era uscito; storto, ma era uscito

  39. Ai scrive:

    p.s. di chi è la copertina de ‘la ragazza drago’?è bellissima…

  40. gnorilgrande scrive:

    ah ah ah, almeno sborniati con qualcosa di più buono :P

    ma ma la copertina provvisoria è di Paolo Barbieri?

    interessante la trama…. quel 21 aprile poi ha trovato conferma? o è sempre work in progress?

  41. Ai scrive:

    Oddio, allora togliere i denti del giudizio fa male!ma…ALLORA MI HANNO MENTITO TUTTI!!noooooooooooooooo ne devo togliere 4 e nessuno dei 4 è venuto fuori, noooooooooooooooooooooooooooooo….

  42. Jorg il Nano scrive:

    ebbrava alcolista!! brava brava brava Liciana, brava!

  43. Valberici scrive:

    Ma io credevo che fossi allenatissima, per via del limoncello :shock:

    Comunque mi sa che era solo alcool senza troppo assenzio :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>