up & down

Lo so, sto trascurando un sacco di cose. Saranno tre settimane che non astronomizzo, per dirne una. E la scorsa settimana non ho spedito la consueta newsletter.
Credo sia il caldo. Mi ottunde le idee. Mi sveglio con l’unica voglia di restare a letto. Poi trovo la forza, mi alzo e faccio quel che devo, ma con una spossatezza di fondo che veramente mi ammazza. Mi ci sono voluti due giorni per trovare la forza di stirare, e forse solo oggi, dopo una settimana che mi riprometto di farlo, completerò le dannate tabelle per l’articolo. L’estate è cominciata da un paio di settimane soltanto e io ne ho già abbastanza.
Poi sono in fase calante. Non so se vi ho mai parlato della sinusoide. La cito anche nell’intervista su Gioia della settimana scorsa (a proposito, vi avevo detto nella newsletter che ci sarebbero state a corredo le foto del mio amico Luca, per capirci lo stesso della foto nella sezione biografia, invece no, ne hanno usata un’altra, che però devo dire mi piace ugualmente, ho un’aria molto intellettuale in mezzo a tutto quel nero). La considerazione che ho di me ha un andamento sinusoidale. Questo

sinusoide

Ad intervalli regolari mi sento tutto sommato soddisfatta del mio lavoro, per poi sprofondare in un abisso di autocommiserazione: non so scrivere, faccio schifo…Ecco, ora sono in basso. Non lo so perché. O meglio, lo so. È bastato un commento buttato là da Giuliano al momento sbagliato nel giorno sbagliato. Una cosa che una persona normale ci sarebbe fatta su una risata e punto, finita là. Io no. Io butto all’aria mesi di lavoro per un commento che non mi piace.E di nuovo le solite domande di sempre. Chi sono, dove sto andando, come faccio a sapere che sto andando nella direzione giusta. Ma andrò mai da qualche parte? Ma sto facendo qualcosa di importante? Ma poi, quest’ossessione di fare “qualcosa che conta”, ma che senso ha?Nichilismo a pacchi. Eppure non è un brutto periodo, anzi.
Vabbeh. Mi riconsolo col vestito nuovo, che mi fa sembrare la Nike di Samotracia, e con la visione di Lost, l’ennesima, prima serie di sera e quarta serie di pomeriggio. E aspetto che la sinusoide risalga su. Tanto lo so che queste montagne russe sono l’essenza del mio essere scrittrice. 

P.S.
Un sacco di complimenti a Paolo Giordano per lo Strega. Meritatissimo, io quel libro l’ho davvero adorato, e infatti ho fatto il tifo per lui :P

38

38 risposte a up & down

  1. Miky scrive:

    Giuliano e Kia: e ki lo sa ke diavolo mi mpassava x la testa?…. :P

  2. KIA scrive:

    Miky: vinci un po’ di soldini per la tua Kia…

  3. KIA scrive:

    Miky: se è come dice Giuliano, ti mando a giocare al lotto… Forse con i tuoi sogni premonitori….

  4. Chiara scrive:

    Riguardo a fase calante ci somigliamo tantissimo, ho scritto un racconto fantasy e mi alterno fra l’”uh che bello” e il “mammia che schifo!” e poi sono demoralizzata perchè fino a settembre non posso metterci le mani, lavoro come cassiera in un supermercato e spero in futuro di trovare un lavoro migliore.
    Lo so che non ha senso scrivere un libro che nessuno leggerà mai, perchè non riuscirò mai a farlo pubblicare, però da quando ho ripreso a scrivere mi sento più serena, devo togliermelo dalla testa e metterlo nero su bianco, tutto questo per dirti che ieri sera ne ero entusiasta, oggi, domenica, mentre annaffiavo mi sono detta “fa schifo, devo migliorarlo” ma perchè cambio umore ogni cinque minuti :( io ho un andamento schizzato, fatto di alti e terribili bassi.
    Ho letto l’articolo su Gioia e mi sono detta finalmente un articolo su Licia Troisi era l’ora :O) complimenti per l’ultimo libro la Ragazza Drago l’ho divorato.

  5. giuliano scrive:

    Miky: che tu abbia sognato il libro illustrato del mondo emerso ?
    :-)

  6. Miky scrive:

    Il caldo qui è asfissante, e butta giù anke me, x un niente. Cm ti capisco, anzi la mia situazione è peggiore: io nn ho momenti di gloria, i miei scritti mi appaiono sempre cm “robaccia” niente di più. :P
    Coraggio, tirati sù, 6 una grande!
    Sai, stanotte ho sognato che andavo in libreria e vedevo un tuo libro. Ero stupita, perkè nn ne sapevo niente. Era molto grande, tipo cm un quaderno, forse poco più. La copertina era bianca, poi c’era il cielo formato da sfumature di rosso e nero. E una chiazza blu. Quando mi sn svegliata, o prima, nn so,ero convinta fosse un drago, ma nn ricordo il tutto in modo nitido. E poi ricordo dei lampi, una tempesta e della pioggia.
    Insolito, no? :9
    Complimenti Giordano, te lo meritavi davvero !!!!!!!!!
    MIKY

  7. Somy scrive:

    Ma dai che sei bravissima Licia, su col morale!! :)

  8. john doe scrive:

    Penso che questo su e giù sia nient’altro che la vita. Solo che siamo troppo abituati a viverla per capire quando sta arrivando il momento up e quando, invece, il momento down e dietro l’angolo.

    Sono tornato a casa dopo avere cenato con te, Licia, e con quel grande di tuo marito, oltre che con tutta la combriccola della libreria.

    Siete due belle persone.

    Antonio

  9. VioVyB scrive:

    Io sono in fase down, decisamente down.
    Passo tutto il giorno a pensare quanto sarebbe bello essere a casa e quanto odio stare con i miei genitori ventiquattrore al giorno per due settimane. Riescono a rovinare quel poco di bello che c’è in questa vacanza. Poi ovviamente attacco con la solita lagna (che è il mio cavallo di battaglia in questo momento): e perché ho cominciato a scrivere che tanto non sono capace, ma quel che scrivo fa schifo, ma è pieno di difetti, ma io non sono capace di correggere e bla bla bla
    magari è anche vero, santo cielo, però dopo un po’ diventa deprimente.
    Ormai ho capito che l’unica soluzione a queste crisi è scrivere e basta.
    Però ora sento la mia sinusoide in netta risalita grazie allo splendido albergo in cui ho scoperto esserci connessione wii fi. (così ho anche visto la tua mail) Baci a tutti^^

    P.S. Complimenti a Giordano per il premio Strega. Anche a me quel libro è piaciuto moltissimo^^

  10. Lauryn scrive:

    dimenticavo: lentissima da caricare, ma chi ha l’adsl lenta addirittura gli si può impallare explorer! ;)

  11. Lauryn scrive:

    ciao licia!
    un consiglio. la foto nella bio riducila manualmente da photoshop e ripubblicala con le dimensioni giuste. pubblicarla ridimensionandola forzatamente da html oltre a sgranarla ti appesantisce il sito perchè in effetti lui scarica la foto da 2mega, che essendo anche superiore al massimo trattenibile nella cache del browser (che sia explorer o altro9 non la tiene in cache appunto e la ricarica ogni volta che si capita su quella pagina.
    una roba un po’ tecnica ma il senso penso tu lo abbia capito: la pagina bio è lentissima da caricare!!
    ps presto ti regalo un altro tema grafico per il blog :D

  12. Ispanico scrive:

    Ciao Licia,
    capitano a tutte le persone di questo mondo un momento no, ricordati però, che ormai hai delle responsabilità enormi, quelle di farci sognare un casino con la tua arte e questo è il regalo più bello che ci puoi fare, perchè oggi più si va avanti più è difficile sognare!!Noi possiamo solo ringrazziarti del bel regalo che ci fai e starti vicino in questi momenti no,non sei sola hai tutti noi a sostenerti. Ricordati che una frase buttata li non cambia quello che c’è fra te e Giuliano, e questo e l’unica cosa che ti posso assicurare per esperienza personale.
    Ispanico

  13. Seraph scrive:

    “Ma poi, quest’ossessione di fare “qualcosa che conta”, ma che senso ha?”

    Ti straquoto su questo.
    Sentirsi importanti x ciò che si fa (qualunque cosa uno faccia) è illusorio e ingannevole, anche se è tutto ciò su cui si basa la nostra società e il nostro ego, ed è dunque difficile e rischioso ragionare in questi termini.
    Mettere in discussione l’egemonia dell’agire sull’essere significa fare un salto nel buio, e si rischia di approdare un po’ dovunque, dall’apatia, alla quiete interiore, alla follia…
    E’ molto più semplice ragionare così: “ho fatto una cosa bella quindi sono bravo”. E’ più semplice ma genera sofferenza, perchè il nostro essere “buoni”, “bravi” o “amati” deve essere costantemente dimostrato, e quando non è possibile si diventa frustrati e la nostra autostima finisce sotto i piedi.
    Una storiella zen:
    “un maestro zen con un sacco in spalla incontra per strada un passante, che gli chiede: ‘qual è l’essenza dello zen?’ E il maestro getta a terra il sacco che stava portando. Poi il tipo gli chiede: ‘qual è la pratica dello zen?’ E il maestro raccoglie il sacco e prosegue il suo cammino”

  14. Amet scrive:

    Sentirsi inadeguati è assolutamente necessario per la crescita. L’essere umano ha bisogno di identificare un proprio scopo all’interno della vita altrimenti tende a sentirsi quasi un intruso. è un pensiero assolutamente normale per coloro che, avendo una certa sensibbilità, non si lasciano trascinare dagli eventi senza prendere scelte. Chi ha bisogno di decidere, chi necessita di organizzare la propria vita, chi vuole essere il creatore del proprio sentiro DEVE avere un motivo valido per andare avanti.

    Non è ne colpa tua ne di Giuliano… ma è assolutamente necessario fermarsi, avvolte, per rivedere i propri passi… altrimenti ci si può svegliare un giorno in una vita che non ci appartiene, nelle vesti di qualcuno che non siamo noi, ed accanto una dimensione che non ci si ricama addosso.

    Se ti senti avvolte inadeguata, insoddisfatta o inutile… non scoraggiarti perchè non significa che sia realmente così, ma soltanto che stai facendo mente locale a quello che fino ad adesso hai costruito… :)

    è un consiglio generale. Sapere capire ed affrontare situazioni spiacevoli spesso aiutano invece che avvilire… :D

    Licia, è bellissimo quando la gente ci fa sentire importanti, ci consola e ci fa sperare in qualcosa di certo… ma tu il nostro affetto per te lo conosci già… quello che vali davvero però lo sai solo tu. Noi possiamo solo intravederlo attraverso il tuo splendido operato… ma ognuno di noi vale più di quanto si lascia mostrare :)

  15. MadamoiselleCiguë scrive:

    Non ti preoccupare, a tutti capitano i momenti giù (ad alcuni più spesso che ad altri, ma sono dettagli), e ad alcuni i momenti molto (molto,molto,molto,molto)giù, ma tutto si risolve!
    Di solito non scrivo i commenti ma volevo farti i complimenti per il modo in cui scrivi… davvero favoloso.
    Spero che continuerai a scrivere, perchè aspetto con ansia tutti i tuoi libri.
    Non vedo l’ora di poter venire a una presentazione ( quando i miei genitori mi fanno andare… quindi ci sarà da aspettare).

    Giulia (Nicus, per gli amici)

  16. Laura scrive:

    Niente paura: l’andamento a sinusoide deve essere una costante di tutti noi artisti, scrittori in particolare! Se non altro il buono della sinusoide (che detta così sembra una brutta malattia… -_-) è che tanto si risale sempre. ;-)

  17. Paolo Veroni scrive:

    Impeccabile come sempre!

    PS: ti ricordi quando ci siamo incontrati a Parma che aveva la stampella? Ora ne ho di nuovo due perché finalmente mi hanno operato. Mi sto facendo la riabilitazione ed è un calvario con il tutore su tutta la gamba con questo caldo.
    Comunque ora avrò un po’ più tempo per gironzolare sul blog.

    Ciao Licia :D

  18. Fabrizio scrive:

    Ho visto la news di Giordano. Non mi avevate detto che è torinese pure lui!

    Fab

  19. Licia scrive:

    Probasis: riconosciuta ed emailata ;)

    Carlo & co.: intendiamoci. Non sto colpevolizzando Giuliano. Lui ha detto una cosa, poi sono stata io a ricamarci sopra all’infinito. Se proprio vogliamo colpevolizzare qualcuno, devo autocolpevolizzarmi

  20. Marcello scrive:

    Probabilmente il libro di Giordano merita, lo leggerò non appena disponibile in edizione economica… la vittoria dello Strega però vale quel che vale… (insomma, il vincitore dello Strega è sempre, ma dico sempre, ampiamente annunciato…).

  21. Probasis scrive:

    Sorry, sorry…..felicitazioni vivissime a te e giuliano per il vostro matrimonio….
    P.S. FORZA GIULIANOOOOOOOOOO….una fidanzata è stressante ma una moglie può essere devastante come una bomba H..
    SCHERZOOOOOOOO!!!AHAHAHAHAH

    RINNOVO BACI E ABBRACCI
    PROBASIS

  22. Probasis scrive:

    AAAAAAAAAhhhhhhh siamo alle solite!!! Mi sembra di tornare indietro di diversi anni, quando facevamo le superiori…..a volte, arrivavi in classe e dicevi che niente andava bene…e fino a qui niente di strano….se non fosse per il fatto che tu eri preparatissima e i 2500 compiti del giorno prima ti erano pure sembrati pochi e noi, comuni mortali, sull’orlo di una crisi di nervi, che avevamo finito di studiare alle 4 di notte, cercavamo prima che entrasse la terribile prof di latino e greco del ginnasio (senza fare nomi!!) di capire la prima frase della versione di greco ( tanto si correggeva solo quella!!) nel pieno del panico…guarda il lato positivo….su su!! cmq complimentissimi per la tua meravigliosa carriera…sono felicissima per te!! spero che tu un giorno possa firmare una copia dei tuoi libri per i miei futuri nipoti…sono certa che un domani varranno una fortuna…un abbraccio grande
    P.S. ma hai capito chi sono?? ihihihih

  23. Carlo scrive:

    Giuliano: le donne ti odiano, quando cerchi di renderti utile.

    D’altra parte, se cerchi di renderti inutile ti odiano lo stesso.

    Non ho ancora trovato una soluzione a questo problema… :-(

  24. KIA scrive:

    Su con il morale… Sei una bravissima scrittrice e come tale, avvolte capita questi sbalzi di umore…
    Come ti capisco… Anche io non sopporto questa vacanza: non faccio un cavolo tutto il giorno.. :(

  25. Jago scrive:

    meno di trent’anni con diversi libri scritti (e pubblicati), una laurea, una famiglia e dei buoni amici…direi che qualcosa di buono c’è…e non è poco…per cui fatti forza…il cielo non rimarrà sempre grigio…e pensa a noi, tristi ventiduenni senza un briciolo di idea su cosa fare nella vita…

  26. Valberici scrive:

    Riguardo a chi decida cos’ è la letteratura ho lasciato un commento, appena Sandrone lo approva (se lo approva) vedrai ;)

    Comunque è vero: ‘sto libro mi tocca davvero nel profondo. :)

  27. Riccardino scrive:

    Ma no! Sei bravissima, ti amiamo tutti. Ma hai visto quanti adorano i tuoi libri? E come tu scriva bene? E come tu mi abbia fatto nascere la passione della lettura? E che con i tuoi magnifici libri io non sarei riuscito ad andare avanti nella mia vita? TI A-D-O-R-I-A-M-O.
    Anchio faccio il tifo per Paolo Giordano, “La solitudine dei numeri primi” era un bellissimo libro, letto in due giorni :-) .
    Baci.
    Riccardino.

  28. Licia scrive:

    Val: vorrei partecipare alla polemica, ma di premi letterari non so un bel niente, e men che meno ho idea di cosa sia letteratura e cosa no. Al massimo posso interrogarmi se io faccio letteratura, o se la voglio fare, e anche in quel campo non giungo, ovviamente a nessuna risposta :P
    So solo che sono contenta che abbia vinto lui, che il suo libro mi ha detto qualcosa ad un livello molto profondo, e lo ha detto a molte persone. E questo mi basta :)

  29. Valberici scrive:

    Son rimasto un pò sorpreso dalla vincita di Giordano, è raro che i libri che più mi piacciono vincano qualche premio.
    Ho visto che Sandrone è un pò “polemico” ma penso che qualunque concorso non possa essere completamente “oggettivo” e basarsi esclusivamente sulla qualità. :)

    @Giuliano: ehhhh….la strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni….. :P

  30. giuliano scrive:

    Ma io non volevo…..

    Io volevo solo essere utile…..

    ;-(

  31. Zenkaiky scrive:

    Giuliano ha scatenato tutto ciò? Perchè non divorzi? :) Bhe se non fossi sensibile più degli altri non saresti un artista. Per il resto capita pure a me dentro questo centro informatico di… di avere dei momenti no. La cosa bella che quando passano, perchè passano, poi si scrive meglio :) ciao

  32. LiciaL - Ai scrive:

    Le montagne russe mi sa che sono una cosa comune un pò a tutti…

    Forza!forza!!Che sei brava, e che ci piaci!Ma il vestito non ce lo posti?? :D

  33. SimoneBellato scrive:

    hai un anno in più di me: sei gia laureata…lavori per ciò che hai studiato (e fidati è una fortuna)…sei riuscita a trasformare la tua passione in un lavoro….attualmente sei alla stesura del tuo nono libro…sei sposata…hai una casa tua…fai sport…e da quel poco che posso conoscere sei una persona simpatica e solare!!

    Ok che le seghe mentali sono una classica delle donne…però non te la fare prendere a male..per me la tua strada è bella che tracciata!!! e poi come hai descritto bene: “la vita è fatta a scale…(il resto lo conoscerai)” quindi stai tranquilla che i periodi in cui ci si sente inutili capitano a tutti!! per fortuna ci siamo noi a tirarti su!!!ihihhi

    ps-cmq sto caldo uccide chiunque!!!

    ciaoooooooooo
    simone

  34. micchan scrive:

    dai, Licia, sù sù!!!!! hai una lungaaa carriera davanti (ne sono certa) e sei solo all’inizio :) almeno tu sai già fare qualcosa nella vita, un ruolo ce l’hai… io mi dispero perchè ankora non l’ho trovato… quindi tu sei già a FORZA 3 oppure di più… però si sà… bisogna salire (e la salita è dura!) …. io cmq tra un po’ vado a rinfrescarmi in piscina ;) buona giornata !

  35. Valberici scrive:

    Tutti gli artisti hanno un andamento “sinusoidale”, quindi sei in buona compagnia. ;)
    Fortunatamente suddetto andamento non riguarda quello che scrivi.
    Per ora sei in netto crescendo (ad eccezione forse dei Dannati). ;)
    Comunque in questo periodo, pur non essendo un artista, sono verso il basso pure io…sarà il caldo :(

    Vorrà dire che mi riporterò in alto leggendo un buon libro, oggi proverò con “L’ottava vibrazione”..sperem :)

  36. imp.bianco scrive:

    Vabbè dai Licia ti risolleverai venendo a Monterotondo… MUAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH le domande che ti farò MUAHAHAHAHAHAHAHAH XD

    X-Bye

  37. Scheran scrive:

    Una bella partita al tuo video gioco preferito e passa tutto ; )

  38. kyra l'elfo scrive:

    Da dove vengo ? Dove vado ? Quanto mi resta ancora ?
    Se lo chiedeva anche Roy Betty in BLade Runner, sei in buona compagnia!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>