Carnevale

Il Carnevale mi è sempre piaciuto un sacco. È che ho una passione per i travestimenti, che spiega anche perché per svariati anni ho fatto cosplay. Il Carnevale mi permette di esprimere la mia creatività in vari modi: coi costumi, ma anche coi dolci. E poi, non so, ha qualcosa di arcaico che mi attira: questa festa dei folli che precede la Quaresima, di origine antichissima, segnata da tradizioni che contano almeno mille anni…
Da bambina i miei mi portavano al Carnevale di Frascati. Ne ho ricordi apocalittici. File chilometriche per salire con la macchina, ressa stratosferica, piazze tappezzate di coriandoli, carri allegorici, e poi tutti in maschera, bambini, adulti, giovani e anziani…Era una cosa meravigliosa.
Ora, sono anni che non mi maschero. L’ultima volta avevo diciotto anni. Andai ad una festa coi miei compagni di classe, mi vestii da mafioso. Riciclai il vestito da sposo di mio padre. Però, in compenso, a partire dai venticinque ho iniziato a fare gli strufoli tutti gli anni.
Quest’anno è stato diverso. Perché c’è Irene. Così, ieri, insieme ad un’amica, siamo andati a Frascati, Irene vestita da draghetto, la sua bimba da ninja, e io truccata da gatta.
Non è più come un tempo. Nessun adulto mascherato, niente carri allegorici né ressa. Però c’era un angolo di Piazza Guglielmo Marconi tappezzata di coriandoli, con tanti bimbi, per lo più piccoli, mascherati. E mentre facevo un sacco di foto, per un istante mi è sembrato di essere tornata indietro nel tempo, a quando andavo io a Frascati mascherata. Ho ritrovato lo spirito, ecco, se non i modi di quei Carnevali di venti anni fa. Uno degli ennesimi miracoli della maternità.

30 Tags: , , ,

30 risposte a Carnevale

  1. Alessandra scrive:

    Questo post mi era sfuggito e vedendo la foto ho avuto un flash!!! Le nostre bimbe hanno giocato insieme quel giorno!!! E pensare che abbiamo parlato e non ti ho riconosciuta!!!! La mia era vestita tipo rapper con jeans e giubbotto rosa e i capelli sul rosso :) anche se l’ ho scoperto solo ora e’ stato un piacere conoscerti!!!!!!

  2. mimi scrive:

    Che bella gatta, Licia! :P
    Comunque è vero, il Carnevale mette allegria, ci fa tornare con la mente a quando si era piccoli e i problemi non esistevano, ci fa dimenticare tutto e rilassarci… :)
    Quest’anno sono stata a Venezia per il Carnevale, stupendo! :D

  3. artyfowljr scrive:

    Una bimba vestita da draghetto ed un’altra da Ninja? Si salvi chi può, queste due appena crescono conquistano il mondo.
    Ah Licia il tuo trucco da gatta è stupendo *_*
    Io ho sempre adorato il Carnevale, travestirmi, i coriandoli, ma i miei (specialmente mia madre) mi hanno sempre scoraggiata perchè per loro è solo un casino immenso.
    L’altro giorno con il gruppo scout ci siamo offerti volontari per animare la festicciola dei bambini del catechismo… intrattenere decine di bambini tutti sotto i 9 anni d’età sarà anche brutalmente stancante, ma confesso di essermi divertita un mondo,era tanto che non facevo una festa di Carnevale :P Perfino il bimbo rompiscatole che mi ha riempito i capelli di coriandoli mi ha fatto sorridere.
    Il travestmento era un po’ improvvisato e non proprio il mio genere (hippy) ma mi sono sfiziata comunque. L’anno prossimo scelgo qualcosa di più figo, magari mi faccio le ciocche blu ai capelli e compro le lenti a contatto colorate :P

  4. Valentina scrive:

    ADORRRRRRO il Carnevale e io sono una delle poche sceme che ancora a 25 anni si traveste tutti gli anni..anche solo per stare in casa(storica la scena di me a 7anni con la febbre e uno stupendo vestito da fata turchina per star seduta sul divano a bere tea.)o intrattenere mia nipote e gli amichetti! Credo che il mio amore per questa festa nasca dal fatto che per un giorno ci si può permettere di rilassarsi,uscire dai soliti vecchi panni e fantasticare un bel po’ tutti insieme. La fantasia è una cosa bellissima ma il più delle volte solitaria mentre a Carnevale diventa condivisa perché, si sa, gli abiti più belli nascono proprio dalle chiacchiere con gli altri o dal notare quello che indossano alle sfilate e l’anno dopo riproporlo nel nostro stile.
    Peccato che con gli anni, come hai fatto notare tu Licia, si sia persa la tradizione della festa collettiva e sia rimasta la scialba idea che sia una cosa per bambini da far vivere nell’angolino pedonale della città. Amen…rimarrà nei nostri ricordi e nella mia voglia di mantenere almeno un accessorio allegorico per rendere omaggio a quella tradizione mentre leggo i mille link di fb disillusi che chiedono alla gente di vestirsi da persona seria perché da pagliacci sono vestiti tutto l’anno.

  5. M.T. scrive:

    Concordo con l’intervento di Geidy e quello di Val su IT :)

  6. Nihal 98 scrive:

    LICIAAAA, ma sei bellissima con quegli occhi da gatto, il trucco è semplice, ma molto bello, complimenti, quasi quasi ti invidio ;) .
    a me piace travestirmi x carnevale, è la cosa più bella di questa festa. alcune mia amiche dicono che travestirsi è ormai da piccoli, ma non è vero per niente, è la cosa più bella di questa festa, no? ;)
    VIVA IL CARNEVALE!!!
    p.s.
    ancora tanti complimenti per il, trucco :)

  7. Ale scrive:

    Molto carino il trucco da gatta semplice ma efficace nella mia città purtroppo non ci sono mai state sfilate o cose del genere ma ha me sono sempre piaciute e ne ho vista una bellissima un paio di anni fa.Evviva il Carnevale!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Genny scrive:

    Valberici purtroppo non ho avuto il piacere di leggere “IT” ma ho visto il film ed è stupendo ;-) comunque l’angoscia che mi mettono i pagliacci c’era già prima che guardassi il film, è un misto di tristezza, nostalgià, angoscia con un pizzico di paura…ho visto dai commenti e anche da molte persone che conosco che questo strano effetto è frequente in molte persone….chissà perchè poi….hiihhi :-D

  9. Nihal95 scrive:

    PS Licia il trucco è splendido!!! :)

  10. Nihal95 scrive:

    Io adoro il Carnevale!!! L’ho sempre adorato! Mascherami è una delle cose che mi piace fare di più, è divertente e, in qualche modo, magico… purtroppo che ieri c’era la sfilata dei carri nel mio paesino e io e una mia amica dovevamo mascherarci io da angelo e lei da diavolo, ma io sono stata male… :(

  11. Geidy scrive:

    Grazie 1000 Valberici e nihal4ever!!!
    PS:Licia sei stata veramente formidabile a truccarti da sola!…..Anche io ho paura dei pagliacci!!!!!!!!!

  12. Sara scrive:

    Valberci: una mia amica dopo aver visto il film IT ha avuto una paura folle dei pagliacci. :) Ho letto il capitolo in cui il mostro si trasforma ed è inquietante… ;)

    Io non sono mai stata ad un carnevale in città (Pordenone può essere definita veramente una grande città come Roma? no!) mi sono dovuta accontentare di qualche paesino vicino a casa ma comunque è sempre bello. :)
    Per me è ed era un modo per staccare la spina e rilassarmi per un’weekend. Dopo l’inverno, il primo quadrimestre ecc…era il segnale di ritorno primavera; sentire che mancava poco alla fine e contare già i giorni.

    Nihal4ever: Aster secondo me non era un povero sciagurato ma una persona che aveva sofferto troppo, più di tutti gli altri. Semplicemente una vittima. :)

  13. Ice Phoenix scrive:

    Ah, comunque con osare di più intendevo le orecchie, la coda, un bel tacco nero e naturalmente le super-ciglia-finte-per-sguardo-magnetico-da-gatta.
    Staremo a vedere il prossimo anno… :D
    Baci!

  14. Ice Phoenix scrive:

    @Licia: Grazie della risposta. Comunque…Wow! E’ davvero bello il trucco di quella ragazza. Chissà magari qualche volta… :roll: Mi hai tentato Licia! Devo provare a farlo qualche volta anche se non sono sicura dell’effetto così bello.
    Avresti potuto osare di più, visto che hai interpretato la gattina casual ma la prossima volta devi fare la gattina sexy… :D
    Ciao!

  15. Gio scrive:

    Quand’ero al liceo è venuta una…pagliaccia? Pagliaccessa? :) insomma, una pagliaccio-lei, a raccontarci come si diventa pagliacci partendo dal teatro…avrei voluto scappare urlando (ero in ultima fila, vicino all’uscita d’emergenza).

  16. Gio scrive:

    Brrr…i pagliacci :)

  17. Damiano scrive:

    Ciao Licia!
    che bello il carnevale! da bambino lo amavo, poi crescendo qualcuno o qualcosa mi ha messo in testa l’idea che travestirsi era una cosa da bambini.
    Da qualche anno invece, oramai 26enne, ho deciso di riprendermi il carnevale e mi travesto anche con 2 travestimenti diversi per ogni anno.
    La cosa più bella è andare alle feste e guardare le facce degli amici che ti fanno i complimenti per il vestito e per la faccia tosta che tu hai avuto e loro non hanno e vorrebbero, quella di divertirsi in maniera spensierata e goliardica senza preoccuparsi minimamente di cosa pensano gli altri, se non a carnevale quando?

  18. Ice Phoenix scrive:

    Complimeti per il tuo trucco Licia! Hai usato il trucco normale di tutti i giorni, messo un po’ diversamente (naturalmente… ;) ) oppure hai comprato quelli appositi per queste occasioni? Anche a me da piccola piaceva vestirmi, peccato che ora non lo faccia più…

    Io speravo tanto di vedere Irene vestita da draghetto… :( Qualcosa mi dice che anche lei è sulla buona strada per diventare cosplay.
    Un bacione a tutti e buon Carnevale a tutti!!! :D
    PS: e domani non mangiate troppo!!! :P :lol:

  19. Valberici scrive:

    Consiglio a tutti gli “amanti” dei pagliacci la lettura di IT di Stephen King :D

  20. Genny scrive:

    Gio anche a me i pagliacci mettono tristezza e angoscia, a volte mi fanno addirittura paura ahahh :-D kissà perkè a volte fanno questo effetto

  21. Valberici scrive:

    Gio: anche secondo me è migliore, del resto è un’opera successiva. :)

  22. Gio scrive:

    E sì che a me il Carnevale ha sempre fatto una gran tristezza, come i pagliacci al circo…mi sarò persa qualcosa?

    Valberici: sempre di Watanabe, hai visto Samurai Champloo? Secondo me merita molto più di Cowboy Bebop :)
    già solo il riassunto della puntata precedente fatto a ritmo di rap è assolutamente geniale

  23. Valberici scrive:

    Eh, i figli hanno un po’ l’effetto di una macchina del tempo. E succede a tutte le età, io ora mi sto riguardando tutto Cowboy Bebop con la scusa che mio figlio non l’aveva nacora visto :)

    @Geidy: anche il tuo commento è veramente bello e intenso. :)

  24. Genny scrive:

    Complimenti Licia :-) le foto sono molto belle :-)
    In effetti a me il Carnevale mi ha sempre un pò inquietato ihih…non so perchè, forse quell’aria bislacca, vedere tutte quelle persone vestite in tanti e diversi personaggi…come vivere in un altra dimensione…
    già da piccolo non mi piaceva particolarmente, i miei genitori mi travestivano ogni anno, ogni anno un diverso personaggio, ed erano sempre vestiti molto belli, sfarzosi e curati….principe orientale, Sandokan, la maschera di ferro…erano vestiti tremendamente belli, a me piacevano pure tanto, ma poi iniziavo a piangere quando dovevo truccarmi e scendere in strada travestito :-S ihih… :-D adesso che sono più grande non riesco a sentire più quello spirito, vedo tanti bambini vestiti, ma mi rendo perfettamente conto che non è come quando mi vestivo io….come dice M.T trovo che oggi sia una cosa forzata fatta per farla….forse mi sbaglio….ma non riesco più a sentire quella spensieratezza, quella atmosfera fiabesca e bislacca che anche se mi inquietava, mi attraeva allo stesso tempo :-)
    Una cosa però è certa, quando ci sono bambini in famiglia, come nel mio caso, si riesce comunque a percepire nei loro occhi quella magia di un tempo….figuriamoci poi per te, Licia, che ora sei mamma ;-)

  25. nihal4ever scrive:

    complimenti per il commento geidy

  26. nihal4ever scrive:

    ppppppps:bello il trucco licia!!!!!!!occhi da gatto!

  27. nihal4ever scrive:

    carissima licia io sono di roma e ieri io mio fratello mia sorella e mia madre siamo andati a piazza del popolo non ti dico la gente che c’era!!!non mi sono mascherata , però mi sono divertita molto a vedere tutti quegli”attori che erano travestiti con abiti di fine 800 ,erano di stoffa pregiata .
    uno in particolare mi piacque molto,era verde smeraldo semplice con una striscia d’oro alla vita, un piccolo strascico retto da una coroncina d’argento in testa, con un diadema sulla parte centrale.
    il carnevale è una strana festa ,un momento divertente in cui se ti camuffi bene puoi diventare irriconoscibile.
    c’era un piccolo corteo di bimbi ,in via del corso, due piccole principesse ,una ragazzina vestita da pirata (il maschiaccio della situazione) e due bimbi travestiti da spadaccini ,le 2 principesse si facevano reggere il vestito come delle spose :) e il pirata gli reggeva gli “strascichi”,ad un certo punto una princ. si gira e dice tutta arrabbiata”CAMMINA PIANO CHE NOI SIAMO PRINCIPESSE!!!”Io mi sono piegata in due dal ridere xD .
    pensa licia che una ragazza si era avvicinata ai mangiatori di fuoco un po’ troppo e gli bruciarono leggermente i capelli -.-.
    cmq l’altro ieri ho comprato tt i fumetti delle cronache e devo ammettere che la scena con il tiranno e nihal ,nell’ultimo,mi ha fatto piangere,è stato un episodio che mi ha fatto innamorare del tiranno nonostante la sua strana cattiveria :(
    in fondo era un povero sciagurato con uno strano e distorto amore per la terra che lo circondava
    grazie licia per tutto un bacione…
    cristina
    p.s:ho scritto con un braccio solo perche il braccio sinistro è rotto :(

    pps2:licia anche a me il carnevale piace molto!!!xD

  28. Geidy scrive:

    Ciao Licia è la prima volta che ti lascio un commento ma ti seguo da circa 3 anni ormai…sono un pò timida ed ecco perchè non ti ho scritto prima.Questo post è veramente bello e intenso e mi ha fatto riflettere molto.Oggi come oggi sono molte le tradizioni che si sono perse, il Carnevale è solo l’esempio di come il Mondo sta cambiando:si sta dando importanza a cose futili invece che ai valori veri come la famiglia,l’onestà,la capacità di trarre la felicità dalle piccole cose!Ahimè immersi in questa ondata di smog,stress e follia stiamo brancolando nel buio. Non esiste più lavorare solo per la gioia di godere di un buon pranzo insieme,non esiste più lavorare per comprarsi la propria casa,non esiste più lavorare con passione!Esiste solo l’affanno del lavoro:bisogna lavorare per pagare le bollette,bisogna lavorare per pagare l’affitto e poi c’è chi lavora per comprare un telefono da 500 euro e per godere così di un pò di felicità, felicità che svanisce nel momento in cui ne esce uno più all’avanguardia.Dicono che noi giovani siamo i colpevoli di tutto,dicono che la colpa è tutta nostra perchè noi non abbiamo valori e diamo peso a cose vane, ma io penso che la colpa sia di tutti perchè nessuno è da esempio.Bhè spero che questo post non ti abbia annoiata!E spero anche che esca presto uno dei tuoi splendidi libri che mi permetta di viaggiare con la fantasia per evadere un pò da questo Mondo.

  29. M.T. scrive:

    Semplice, ma bello il tuo trucco :)
    Non sono mai riuscito a sentire il Carnevale, l’idea di mascherarmi mi ha fatto sempre sentire a disagio: non riuscivo a percepire l’atmosfera del periodo, l’avvertivo come una forzatura, un volersi nascondere dietro qualcosa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>