Un volto nuovo

In genere non faccio bilanci di fine anno. La notte del 31 dicembre ha sempre qualcosa di magico, di speciale, ma non la associo mai ad un reale cambiamento. Per me settembre è invece il momento dei bilanci, evidentemente l’adolescenza non è tanto lontana, e sono ancora settata sui ritmi della scuola.
Qualche sera fa, però, ho dato una scorsa al mio Diario di FB, e ovviamente a tutte le foto annesse. E, niente, è successo qualcosa alla mia faccia. Anche se guardo al periodo in cui ero più magra di ora, mi accorgo con le mie guance mantenevano una certa pinguedine. Ero tonda, mentre adesso, se mi guardo allo specchio, vedo gli zigomi evidenti, la guance un po’ incavate.
«Si chiama dimagrire» mi ha detto un mio amico oggi. Ma a me è venuta invece in mente una cosa che ho scritto tante volte, quando mi è capitato di descrivere i miei personaggi più giovani:

Era un bambino bello in modo inquietante, occhi grandi, riccioli vaporosi a incorniciare un ovale quasi perfetto e appena arrotondato dalla pinguedine dei bambini,

dico ad esempio di Aster ne La Setta degli Assassini. E allora ho capito. Non sono dimagrita. Sono cresciuta. La mia faccia non ha più niente di infantile, sono una donna, con un marito e una figlia, un lavoro e una casa. Sono un’adulta. Questo sarà il volto che porterò in giro per il mondo da qui in avanti, la faccia con cui sarò ricordata da chi mi ama. La trasformazione è finita, sono io, la me definitiva.
Non so bene cosa pensare di questa cosa. Da ragazzina non volevo crescere, e probabilmente ancora oggi l’idea di definirmi adulta mi mette un vago imbarazzo, anche se il limite s’è spostato, e adesso più che altro ho paura della vecchiaia, ma non per le rughe e tutto il resto, ma per la perdita della persone care. Ma checché ne pensi ormai è successo, e non posso farci niente.
Poi però mi dico che per me valgono le parole di Nathan nell’ultima puntata della prima stagione di Misfit: “Io sono un cazzone ed ho in programma di rimanere un cazzone fino alla fine dei miei venti, forse fino all’inizio dei miei trent’anni!”. Perché continuare a non prendermi sul serio, mantenere la passione e lo stupore per la vita, sapermi divertire e non lasciare mai morire la fantasia è e sarà sempre il mio modo di essere adulta.
Benvenuta dunque questa mia nuova faccia, l’avatar degli anni a venire, e benvenuto mondo adulto. Spero di muovermici dentro con lo stesso divertito stupore che mi ha accompagnato in questi trentun anni. E a tutti voi, buona fine e buon inizio.

24 Tags:

24 risposte a Un volto nuovo

  1. ile97 scrive:

    no, io invece proprio non riesco ad immaginarmici vecchia! ogni volta che ci penso mi dico: “ma ti rendi conto che un giorno i tuoi nipoti penseranno di te quello che tu pensi oggi dei tuoi nonni?” e non mi ci ritrovo… io preferirei rimanere nell’eterna adolescienza, che è veramente il periodo più bello della vita!

  2. marty scrive:

    p. s
    buon anno :D

  3. marty scrive:

    nemmeno io voglio crescere…. guardando le persone adulte , che pensano solo ai loro interessi : ai soldi , a come campare una casa e tenersi stretta una macchina a pagare le tasse. mi viene un vuoto allo stomaco. mi domando se anch’io diventerò così : Nevrasterica/ paranoica . per aspetto quello cambia sempre, la cosa che mi terrorizza sono i cambiamenti del carattere… io a mio parere sono solare e felice in un clima apparentemente tranquillo….ma da grande anch’io diventerò nevrasterica?, ascolterò i miei figli quando mi parlano di cose futili? , diventerò stressata e paranoica? fosse per me farei un viaggio di sola andata all’ Isola Che Non C’è. :(

  4. Pigliadraghi scrive:

    Mi ricorda Hirano, il Maggiore…
    “Io sono me stesso. Sembra banale ma il mio volto, il mio essere non saranno mai di nessun altro, e nessuno più togliermeli. Io sono, me stesso”

  5. Ginene98 scrive:

    Lo spero… Però non riesco ad abbandonare l’idea che sia l’infanzia(o fanciullezza), l’età che ho abbandonato per sempre, il periodo più bello della nostra vita. Forse perchè è il momento in cui scopriamo le bellezze del mondo ed impariamo ad apprezzarle per ciò che sono… o forse proprio perchè non abbaimo pensieri per la testa che colorano le nostre giornate di grigio.
    Io figurati già penso a come farò per ricordarmi di pagare tutte le bollette, la luce, il gas, il bollo dell’auto… E poi le litigate con i tuoi superiori a lavoro! Non voglio neanche pensarci…

  6. f scrive:

    Buon anno, anche se con enorme ritardo! E sì, il tempo passa e si cresce, però ricordare ciò che siamo stati significa non perdere la bussola per il futuro ;)

  7. francesca scrive:

    scusa il ritardo ! buon anno anche a te licia spero che questo 2012 riservi a tutti noi tante sorprese e felicità !!

  8. aAxelander scrive:

    tanti auguri Licia. Anchio ho la tua stessa età e ho pensato le tue stesse cose. Cambia la faccia ma non il cuore e la testa. E qui che comincia il cambiamento

  9. M.T. scrive:

    Il mondo va avanti, anche se non vogliamo. Buon 2012!

  10. flaffly97 scrive:

    Buon anno Licia!!! Speriamo tanti miglioramenti nel 2012!!! :D

  11. Oarf97 scrive:

    Auguri ,Licia !!!

  12. ATNO scrive:

    Auguroni anche a te Licia, e alla tua famiglia.

  13. paolo tomei scrive:

    buon 31 dicembre e buon capodanno licia(non di co fine perchè è veramente tetro dirlo)

  14. Simone scrive:

    Io farei una petizione per abolire l’uso dell’espressione “buona fine”. È terribilmente lugubre. “Ti auguro una buona fine” mi fa venire la pelle d’oca… :-)

  15. Ginene98 scrive:

    Bè… per me, devo dire, che è la stessa, amarissima cosa. Ancora non accetto di essermi trasformata in ragazza, di aver inconsapevolmente intrapreso il cammino verso il mondo degli adulti. Da piccola, la linea che divideva la realtà dai sogni era sottile come un ago… La vita era più bella, più semplice e ogni volta che qualcosa andava storto, bastava chiudere gli occhi e abbandonarsi alla dolce brezza dell’immaginazione. La Fantasia… lei illuminava le mie giornate. Eppure, pian piano, anche la sua forza è andata ad affievolirsi sempre più e, con lei, forse la vera ed unica chiave in grado di aprire le porte dell’anima, il mondo di sogni e speranze in cui mi rifugiavo da piccola si è sgretolato per sempre…
    Ora, però, cerco di guardare il mio futuro con occhi più esperti e so che anche il cambiamento comporta dei cari prezzi da pagare. Dare per ricevere… non è così? Quindi c’è sempre qualcosa di positivo che comunque compensa con i nostri sacrifici… bisogna solo saperlo accettare. Non è impossibile, credimi ed a volte basta solo pensare a ciò che di buono abbiamo dentro per riuscire a contrastare i nostri timori. Dipende solo da chi siamo veramente…

    • Licia scrive:

      Ginene98: ti assicuro che l’età adulta riserva esperienze così belle che al momento non puoi neppure immaginarle. Ogni età ha i suoi momenti straordinari e irripetibili.

  16. Valberici scrive:

    “Questo sarà il volto che porterò in giro per il mondo da qui in avanti”…no, cambierà ancora ;)

    “mantenere la passione e lo stupore per la vita, sapermi divertire e non lasciare mai morire la fantasia”…questo invece è possibile fino a tarda età. :)

  17. costanza scrive:

    panta rei

  18. Lucifer's Kitty scrive:

    Purtroppo o per fortuna c’è poco da fare. Il tempo passa e lo si può si può solo accettare. Licia, ti capisco: non è facile accettare i cambiamenti. Però in questo post trasmetti serenità. Bene!
    Ma poi, sì, sei entrata nel mondo adulto, ma sei ancora giovane ;)

    Buona fine e buon inizio anche a te e a tutta la famiglia :D

  19. deborah scrive:

    io ora ho 18 anni, e qualche volta mi ritrovo a immaginare come potrebbe essere il mio futuro. anche se spero in qualcosa di roseo (dati i tempi, è un po’ inverosimile), mi convinco sempre che non ci sarà periodo migliore di questo. quindi sono perfettamente d’accordo con te: crescere sì, ma dentro dobbiamo rimanere un po’ bambini, no? altrimenti tutto diventa troppo noioso =)
    a proposito, buon anno nuovo :D

  20. Federica scrive:

    Nulla possiamo contro lo scorrere del tempo! Dobbiamo farci i conti ogni giorno! Penso che il modo giusto per andare avanti ed affrontare ciò che aspetta tutti noi, sia proprio di non tralasciare nulla ed essere consapevoli di ciò che si è

  21. Laura Vì scrive:

    buona fine e buon inizio anche a te! :D

  22. Simone scrive:

    Però c’è sempre un aspetto che mi lascia perplesso, in questi post sul tempo che passa: ostenti serenità ed accettazione, ma evidentemente hai qualche rimpianto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>