Guilty Pleasure

Lo confesso con discreta vergogna, ma per due giorni di seguito ho visto Ghost Hunters. Ebbene sì. No, è che la pubblicità mi aveva incuriosita, per cui…Lo devo confessare: mi sono divertita. Ma non perché ci sono i fantasmi e roba del genere. Mi sono divertita perché è praticamente la fiera della prova inoppugnabile dell’esistenza del paranormale.
Vi contestualizzo un po’ la cosa. Due idraulici nel tempo libero fanno gli acchiappafantasmi. Eh sì. La gente li chiama perché crede di avere la casa/l’hotel/la barca(!) infestata. Loro arrivano e cercano “prove”. Si vantano di avere attrezzatura molto sofisticata. Cioè torcette, videocamere a raggi infrarossi e registratori video e audio. Roba all’ultimo grido, insomma.
Entrano nella casa/hotel/barca(!) rigorosamente di notte (perché? Voglio dire, c’è gente che dice di aver visto i fantasmi di giorno…), spegono le luci (ancora, perché? I fantasmi c’hanno la fotofobia?) e restano lì tutta la notte a provocare i fantasmi.
Scena tipia: tizio1 e tizio2 al buio, con torcia, entrano in una stanza.
Tizio1: «Sei qui?».
Silenzio.
Tizio2: «Perché non batti un colpo per farci sapere che sei qui?».
Silenzio.
Tizio1: «Anvedi che bel sopramm…hai sentito!».
Tizio2: «Sì! Mi è sembrato di sentire un rumore che veniva da destra!».
Tizio1: «Lì! Esatto!».
Inutile dire che lo spettatore non ha sentito una mazza.
È tutto un: «Mi è sembrato di vedere un’ombra!», «Mi è sembrato di sentire uno che camminava al piano di sopra, ma quando siamo saliti non c’era nessuno!», «Mi è semblato…» ah no, scusate, quello è un’altra cosa. Ma la cosa migliore è quando uno se ne esce «C’ho la nausea, devono essere le forti presenze paranormali». O la peperonata della sera prima…anche quella ritorna…
Le prove audio e video sono più o meno dello stesso livello.
Tizio1: «Guarda! Qui si vedono due gambe!».
Inquadratura all’infrarosso di tre pixel rossi che sono probabilmente un difetto della camera.
Tizio2: «È vero!».
Sul video di una barca:
Tizio1: «E qui si vede chiaramente il cancello aprirsi da solo».
Inquadratura di un cancello che sembra muoversi vagamente, probabilmente perché, sai, sei su una barca, ok che è alla rada, ma me l’hai detto pure te che dondola…
Tizio2: «È una cosa inspiegabile».
Comunque, nell’episodio di ieri arriva quella grossa. Tizio1 e Tizio2 sentono (loro, perché dall’audio lo spettatore non sente niente) un rumore, tipo qualcosa che viene trascinato. Salgono al piano di sopra e si rendono conto che è il rumore di un passeggino giocattolo che struscia contro il muro.
Tizio1: «La videocamera lo riprende?».
Tizio2: «No».
Ah, ‘sta minchia! Avete gli strumenti più putenti dell’universo, ma riprendere una camera infestata da una sola angolazione. Grande. Vabbeh, Tizio1 prende il passeggino e lo mette a favore di camera, vicino al letto.
Passa la notte, i nostri riguardano le riprese. E, meraviglia, il passeggino si muove: ma non si muove di poco, si muove parecchio, nel senso che la cosa è chiaramente percepibile a occhio nudo. E uno dice: ammazza, finalmente qualcosa di concreto! Solo che il passeggino non è inquadrato interamente: ci manca un pezzo. Nello specifico, il passeggino si trova nel margine in basso dell’inquadratura, tagliato a metà, proprio la metà verso la quale il passeggio ruota. Non si vede neppure il manico, per dire. Potrebbe esserci l’abominevole uomo delle nevi che lo spinge, o Tizio1, o, cosa che mi pare più probabile, un topo, visto che per tutto il tempo gli acchiappafantasmi si lamentano di sentire un grattare nelle pareti e squittii («è una bimba che ride!»; se, lallero). Ma no. È il fantasma.
Ora, tutto ciò potrebbe essere molto divertente, e lo è. Mettersi a cercare la spiegazione più probabile per quelle quattro cose in croce cun po’ più esotiche che accadono nello show è divertente. Il problema è che la gente guarda Ghost Hunters e crede che un’indagine scientifica si faccia così. Adducendo come prova che uno c’ha la nausea, quello con la coda dell’occhio ha visto forse qualcosa che si muoveva, quell’altro sente un rumore in una casa vuota (a casa mia allora c’è una legione di spiriti; dovreste sentire quando tira vento, la prima volta che è successo eravamo convinti ci fosse qualcuno che stava morendo sul balcone). Non è che quando facevo fotometria se vedevo una lucina strana sull’immagine dicevo subito che era un ufo: prima di saltare alle spiegazioni sconvolgenti si eliminano prima quelle banali, che, grazie Occam per il tuo rasoio, in genere sono le più probabili. Una luce strana è spesso un pixel caldo, un difetto del rivelatore. Come le gambe di qualche puntata fa.
Ora, se programmi del genere fossero sparuti e isolati, potrebbe anche andar bene. A tutti piace divertirsi in modo un po’ sciocco, non c’è niente di male. Ma la scienza, in TV, è sempre presentata così: a parte i bastioni di Rai3 e i prodi Angela, tutti gli altri ammanniscono cazzate apocalittico-complottistiche come “scienza”, e presentano esempi di metodo scientifico che sono completamente campati in aria. E questo, spiace dirlo, fa male, perché allontana ulteriormente la gente dalla scienza. E forse val la pena ricordare come si stava quando il metodo scientifico non esisteva e la vita media era trent’anni o giù di lì.
Per cui, nulla, probabilmente smetto. Non ho particolare antipatia per la gente di Ghist Hunters, tutto sommato ho visto di peggio, in giro, ma fanno del male, magari non tanto a chi li chiama, che si ritrova un mucchio di clienti perché c’ha l’hotel infestato, “è certificato da quelli di Ghost Hunters”, ma per tutti gli altri, quelli che guardano questa roba e poi si curano il cancro con l’aloe.
Lo so, sono monotematica, di recente, ma credo che questa siano cose pericolose, e che siamo su una brutta china.

6 Tags: , , ,

6 risposte a Guilty Pleasure

  1. M.T. scrive:

    Un altro esempio di come si faccia disinformazione. E quel che è peggio, viene pure creduta.

  2. valerio scrive:

    Mi e’ semblato anche a me un gatto xD

  3. jarianni scrive:

    ok come dicevo anche se non c entra ieri alle sette ho iniziato il sacrificio alle dieci l ho finito e….. no parole** wow** stavo piangendo a dirotto poi sono arrivata all epilogo con il fiato in sospeso… finito il libro sono stata mezzora con il sorriso da pazza a sussurrare * oh mamma..*
    davvero non so come tu faccia a scrivere dei libri cosi….. cosi… cosi.
    grazie mi regali sempre emozioni indescrivibili e grazie ai tuoi protagonisti, soprattutto dubhe, sono riuscita a tirarmi fuori da certe situazioni;) forse è proprio tutto quello che ho in comune con lei… non so ma grazie davvero:*

  4. deborah scrive:

    Ma non è che ci tocca un’altra stagione di Mistero o Voyager? perché ultimamente sono più ridicoli del solito…

    • Nihal scrive:

      Già, soprattutto Mistero… -.-
      Basta pensare alla bufala della profezia Maya, e non c’è davvero altro da aggiungere… Persone che si sono trasferite in Valle d’Itria da non so dove perché qui ci si salvava… Mah

    • Aster scrive:

      Giustissimo! Poi avete sentito l’ultima? Stanno facendo provini per chi ha una storia del tipo post-apocalittica…
      Ma è ovvio! Avranno finito le cavolate da dire!

Rispondi a M.T. Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>