Archivi del mese: novembre 2016

Riassunto delle prossime puntate

Donc, in questo periodo, come avrete notato, sono piuttosto impegnata nella promozione de Le Lame di Myra (letto? Piaciuto?). Siccome le date si aggiungono, vi faccio un riassuntino sui miei spostamenti delle prossime settimane. Intanto vi ringrazio tantissimo per il calore con cui avete partecipato a queste prime tappe, per me è stato molto bello e importante :) .
Allora, si comincia la prossima settimana, sabato 19 Novembre, a Milano, con BookCity; ci vediamo alle 18.00 alla Base Milano Sede Principale, per la presentazione del Centro Formazione Supereroi. Se siete curiosi di sapere cos’è, qui qualche informazione.
Il giorno successivo, domenica 20 Novembre, l’appuntamento è invece alle 11.00, presso l’Auditorium del Museo della Scienza e della Tecnica, sempre a Milano, per una presentazione assieme a Sandrone Dazieri.
Il 3 Dicembre, invece, sarò a Grottaferrata, qui ai Castelli Romani, ore 17.30, presso la libreria Adeia, per quattro chiacchiere su Le Lame di Myra.
Infine, almeno per ora, l’11 Dicembre, sempre ore 17.30, sarò alla Libreria Mondadori del Centro Commerciale Roma Est, a Roma, per una firma copie.
Insomma, ci saranno tante opportunità di incontrarsi, vi aspetto!

17 Tags: , , ,

Next Stop: Pescara, Milano e Grottaferrata

Dopo l’ubriacatura di Lucca, e il calore dell’incontro di ieri a Roma, è tempo di parlarvi un po’ delle prossime tappe del mio tour in giro per la promozione del primo libri de La Saga del Dominio, Le Lame di Myra.
Dunque, il prossimo incontro sarà domenica 13 Novembre, a Pescara, nel contesto Festival delle Letterature dell’Adriatico. Ci vediamo alle ore 11.00 presso Città Sant’Angelo Outlet Village.
Il week end successivo sarò invece a Milano, per BookCity. Sabato 19 Novembre, ore 18.00, darò una mano al Centro Formazione Supereroi a diffondere il super potere della lettura, presso Base Milano Sala A :) . Il giorno successivo, domenica 20 Novembre, ore 11.00, presso l’Auditorium del Museo della Scienza e della Tecnica, si ricompone la mitica coppia Licia-Sandrone, per parlare ancora un po’ assieme de Le Lame di Myra e de L’Angelo, il secondo libro con protagonisti Dante e Colomba di Uccidi il Padre.
Bonus, anche se manca un po’, posso dirvi che sarò di nuovo dei dintorni di Roma il 3 Dicembre, a Grottaferrata, alle 17.30, presso la Libreria ADEIA.
Bon, per ora è tutto. Al solito, seguitemi da queste parti per ulteriori informazioni :) .

9 Tags: , , , , ,

Il tutto che è Lucca

Lucca è sempre il posto degli incontri, degli eventi, delle emozioni forti. Lucca dura per me tre giorni, ma dal momento in cui parto, a quello in cui torno a casa, mi sembra sempre che sia passata una vita intera. I giorni di Lucca sono così densi, così faticosi e belli, che sembrano durare un mese.
L’anno scorso, a Lucca era successa una cosa così bella, che non credevo fosse replicabile. Pensavo non ci sarebbero state altre cose, che potessero succedermi là, che potessero anche solo eguagliarla. E invece, siccome Lucca è un posto magico, in cui per qualche ragione un po’ misteriosa, la vita di tutti i giorni viene sospesa, quest’anno è successa un’altra cosa molto bella. L’unico rimpianto è che con me, per forze di causa maggiore, non ci fosse mio marito, perché certe cose, soprattutto cose come Lucca, che in qualche modo ci appartengono così profondamente e parlano anche della nostra storia, andrebbero condivise, e, se non le condivi, sono sempre un po’ diverse. Comunque, è stato molto faticoso, ma anche molto bello, e alla fine sono riuscita a fare più o meno tutto quello che volevo.
Grazie innanzitutto a tutte le persone che sono venute a incontrarmi, e sono state tantissime. Per me è stato molto importante, perché la Saga del Dominio per me rappresenta un nuovo inizio, e quindi sono eccitata sì, ma anche molto spaventata. Per questo il vostro affetto è stato molto importante. Mi spiace solo che i nostri incontri siano stati un po’ fugaci, ma eravate davvero tantissimi, e volevo cercare comunque di fare almeno una firma a tutti. Questo è particolarmente vero per tutte le persone che conosco di persona, e alle quali non ho potuto dedicare il tempo che avrei voluto.
Invidio molto quelli di voi che riescono a farsi un giro presso gli autori e racimolano autografi e foto; io le file per gli autografi purtroppo non le posso fare, e non ho mai il tempo di andarmi a sentire gli autori che amo, che quest’anno erano pure presenti in massa. Comunque, i miei incontri alla fine sono riuscita a farli anch’io. Ho incontrato di nuovo Terry Brooks, che avevo conosciuto sei anni fa, sotto il diluvio di Lucca C&G 2010, e si è riconfermato una persona squisita con la quale è molto piacevole intrattenersi, e con la quale ho scoperto di condividere svariate opinioni sul fantasy e la scrittura. Ho poi scambiato quattro chiacchiere con Tony Di Terlizzi, ugualmente molto piacevoli. Per cui, al netto di tutto, ho scoperto che il mio inglese forse non fa così tanto schifo quanto penso, o meglio, quanto meno basta a farmi capire e a capire cosa mi dicono gli altri, che per me è già una grandissima conquista :P . Tra l’altro sono anche andata al concerto di Cristina D’Avena, e ho cantato e zompato come scema sulle sigle dei cartoni animati della mia infanzia/adolescenza. Infine, ho conosciuto Don Alemanno che – io mi stupisco sempre :P – mi conosceva.
Sul fronte degli acquisti, visto che qualcuno me ne aveva chiesto conto, vi faccio una breve lista:
The Walking Rat di Leo Ortolani, che è bellissimo e ve lo dovete prendere per forza;
Dylan Dog – Dopo un Lungo Silenzio scritto da Tiziano Sclavi, che è un’altra cosa splendida che va letta;
ControNatura, di Mirka Andolfo, che però non ho ancora letto;
L’Italia Spiegata agli Alieni, di Stefano Tartatotti, regalo per il consorte, che però mi leggerò ovviamente anch’io :P
Passando a gadget e roba varia:
il pennino USB a forma di Lord Pando di Rat-Man, che adesso si alternerà a Darth Vaderino nell’accogliere i salvataggi della roba che scrivo;
due magliette prese a Feudalesimo e Libertà per una coppia di amici;
un boccale di Feudalesimo e Libertà per il consorte;
un pigiamone a forma di Totoro per Irene;
sempre per Irene, due pucciosissime zampe da gatto;
un bella casacca nera da usare con la mia armatura, così alla prossima Lucca sarò davvero il Cavaliere Nero, quello che nun glie devi romper er… :P
un pelouche di Piccettino per un mio amico;
un uovo di drago da Games of Thrones, che è immediatamente diventato il mio tesssssssoro, e sta nel mio studio.
Insomma, ho lasciato in fiera abbastanza un rene, e ho preso più o meno tutto quello che volevo.
Ho fatto anche tantissime interviste, i cui frutti leggerete a vedrete a breve.
La cosa più importante, però, è successa durante la presentazione de Le Lame di Myra. Non è stata una sorpresa, perché la notizia mi è arrivata qualche giorno fa. Da tre anni, a Lucca vengono raccolte le impronte delle mani di artisti che l’organizzazione ritiene particolarmente meritevoli, o particolarmente legati alla manifestazione. Queste impronte finiranno poi su una strada, la Walk of Fame di Lucca Comics & Games. Qui trovate un elenco degli artisti che hanno già impresso la loro impronta. Ve la faccio molto breve: mercoledì sera della scorsa settimana mi è arrivata una mail che diceva che quest’anno quest’onore sarebbe toccato anche a me.
Sono zompata sulla sedia come una molla, e mi sono catapultata al piano di sotto strillando in sordina, per non svegliare la prole, ma dare al tempo stesso la notizia al marito.
E insomma, domenica, al Teatro del Giglio, gremito nonostante io temessi non si sarebbe riempito, ho messo le mie mani sul cemento. Per me è stata una grandissima emozione, e una cosa splendida, per tantissime ragioni. Per la compagnia in cui le mie manine si trovano ora: tutta gente decisamente più grande di me, che quell’impronta là non l’ha lasciata solo sul cemento, ma sull’immaginario di milioni di persone, e sulla cultura tutta italiana e internazionale. Ma soprattutto perché è successo a Lucca, perché quell’impronta lì finirà sulle strade della città. La mia storia di scrittrice è strettamente intrecciata a Lucca Comics & Games. È stata la prima manifestazione a credere in me davvero, tanto è vero che mi invitarono nel 2004, quando ero una signora nessuno, e i miei eventi si tenevano in Sala Ingellis, che all’epoca, quando la fiera ancora non si teneva in città, era ancora più piccola di oggi. C’erano una ventina di persone, là dentro, e Giuliano vestito da Sennar fuori. E poi sono tornata ogni anno, e la Sala Ingellis era sempre più piena, così siamo passati al cinema, e quando anche il cinema non bastava più siamo finiti negli auditorium, sempre più grandi e gremiti. E l’altro ieri, infine, eravamo al Teatro del Giglio. Prima di fare questo mestiere, Lucca Comics & Games per me era una manifestazione mitica, cui disperavo di poter mai andare, perché ero studentessa e non avevo né i soldi né il tempo per una trasferta del genere. E poi, dal 2004, ci sono andata praticamente ogni anno tranne il 2009, quando ero molto incinta e anche un po’ malata, e allora ho preferito rimanere a casa. Lucca È la storia di quel che scrivo, dei miei libri e del mio percorso, resta la mia patria ideale, il luogo in cui, almeno una volta l’anno, mi sento davvero a casa, in mezzo a gente con cui condivido una visione del mondo e della vita, che se mi guarda in mezzo alla strada non è perché mi trova strana, ma perché gli piace la mia armatura, o vuole chiedermi una foto. Per questo è stato così bello pigiare le mani sul cemento, e sto condividendo foto e video dell’evento urbi et orbi da due giorni. Il video è sul mio canale Youtube, ma ve lo incollo qui sotto.
Mi sarebbe piaciuto anche fare una gallery delle foto più belle di questi tre giorni, ma purtroppo non ho praticamente avuto modo di farne. Ne trovate però parecchie sui miei canali social (su Twitter e Facebook), fatte da altri utenti e che io ho condiviso.
È stato tutto fantastico, e non vedo l’ora che ricominci, il prossimo anno.
In chiusura, vi ricordo il prossimo appuntamento: qui a Roma, al Centro Commerciale Porta di Roma, presso la Libreria di Auchan, ore 18.30, per una presentazione con firma copie. Ci saranno altri eventi che poi vi dirò prossimamente. Intanto, godetevi il video della “posa delle mani” :P

Addendum
Non potevo non aggiungere queste due foto, che credevo di aver perso, ma che sono state postate da Terry Brooks. Sì, siamo io e lui. Per quanto mi sforzi, non mi riesce di trovare un commento all’altezza dell’epicità delle foto :P

Terry Brooks & me 1
Terry Brooks & me 2

0 Tags: ,