Westworld: le cose che non ho capito

Qualche giorno fa, ho finito la visione della prima stagione di Westworld. Non ne ho parlato qua sopra perché nel frattempo è passato il ciclone Sherlock e ho preferito dedicarmi a quello. Ma non è che la nuova serie HBO sia passata su di me senza lasciare traccia. Darne un giudizio però mi risulta nel complesso più difficile che con altri prodotti, perché evidentemente si tratta di qualcosa il cui scopo è effettivamente indurre una riflessione più profonda del semplice giudizio di pancia. Nulla in Westworld induce a una fruizione immediata: tutto è fatto per sedimentare, e per essere metabolizzato, dal ritmo tutto sommato abbastanza lento, ai mille particolari che sei chiamato a notare, all’evidente invito a una seconda visione che è il finale di stagione.
Comunque, tempo ne è passato, e posso azzardare non dico una recensione, ma quanto meno un mio parere al riguardo. Che è sostanzialmente positivo, anche se non grido al capolavoro: è un bel prodotto, solido, che si lascia guardare con piacere, soprattutto curato in modo maniacale, privo di qualsivoglia difetto evidente, in cui (come da mia ossessione, lo sapete) forma e contenuto si rispondono reciprocamente in modo molto efficace. Ma, per i miei gusti, è una cosa troppo algida. Il che non significa che non mi sia piaciuto: me lo sono goduto, ma in modo tutto sommato abbastanza distaccato. Non mi sono sentita granché coinvolta dalla girandola delle ipotesi sui “misteri” – che poi è uno solo, e manco così terribilmente misterioso – probabilmente anche perché l’ho visto quando ormai l’universo mondo aveva già fatto tutte le ipotesi possibili e immaginabili e aveva pure già visto il finale, non ho aderito neppure in modo viscerale alla storia. L’ho guardato con un occhio assai più professionale di quanto non faccia di solito; infatti, la cosa che ho apprezzato di più è stata la struttura, pur convenzionale, ma fatta in modo tale da svelarsi del tutto solo nel finale. Chi ha visto sa di cosa parlo. Ecco, quello è davvero un colpo di genio.
Ripeto, non è un problema della messa in scena, degli attori, o di qualche difetto che mi pare di trovare nella serie per il mio gusto: è che i fratelli Nolan sono così, cervellotici ma a volte un po’ freddi. E tutto in Westworld è incredibilmente algido; le scenografie, le recitazioni incredibilmente sobrie e trattenute, i dialoghi perfettamente misurati. Persino la pantomima di West che mette in scena è una roba tutto sommato perfettina e pulitina. È una scelta “poetica” perfettamente legittima, e che per altro trova rimandi in elementi di trama. Solo che a me lascia fredda, esattamente come mi lasciò fredda a suo tempo Interstellar, che era dell’altro Nolan, ma che condivide alcune cose con Westworld: la cervelloticità, la freddezza.
Poi, per il resto, il discorso che la serie porta avanti è interessante, e lo fa anche in modo tutt’altro che banale, senza facili risposte. Cosa sia la coscienza è La Domanda che ci facciamo da sempre, come l’abbiamo conquistata, se si possa definire, misurare, spiegare, o persino se esista davvero, è una cosa che ci fa arrovellare da sempre, e Westworld la butta giù bene, persino senza pesantezza. E poi il tema del controllo dei sistemi caotici, lo stesso di Jurassic Park, che è sempre parto della mente di Crichton, ma declinato in modo diverso, e il libero arbitrio, i confini dell’etica…tutto bello, tutto grande, tutto fatto bene. Solo che…e veniamo al titolo del post.
Ora, io ho l’abitudine di guardare le serie in lingua originale. Ormai è diventata proprio un’abitudine, quindi a volte il doppiaggio proprio mi stranisce, e poi mi serve per fare esercizio con l’inglese. Solo che a volte la cosa è proficua, a volte rischi di perderti dei pezzi. E comincio a credere di essermi persa dei pezzi con Westworld. Da qui in poi SPOILER, perché vorrei il vostro aiuto per capire delle cose che non mi tornano, e nelle quali forse risiede anche parte della mia freddezza per il tutto.
Innanzitutto, immagino saremo tutti d’accordo che inventare l’intelligenza artificiale per permettere a quattro riccastri di torturare, stuprare e uccidere a piacimento sia un’idea in sé abbastanza cretina e pericolosa. Mi pare di capire che in realtà Westworld, e tutti gli altri QualcosaWorld che probabilmente visiteremo nelle prossime stagioni, abbiano scopi più alti, o meno irragionevoli, ma la cosa viene solo accennata, e quindi vabbè. Dopo di che, Arnold questa cosa sembra capirla prima di tutti gli altri, e, una volta compreso che i suoi Host sono in grado di raggiungere la coscienza, decide che è crudele rinchiuderli in quel giocattolone di Westworld e prova a non far aprire il parco. Che come discorso fila. Peccato che senza l’intervento taumaturgico di Arnold, col cavolo che gli Host potrebbero raggiungere la coscienza. E qui ci ricolleghiamo a un altro punto focale della serie che non mi torna: la coscienza, giustamente, non è un percorso verso l’alto, ma un labirinto che conduce dentro se stessi, e il premio finale è l’autoconsapevolezza di sé, il raggiungimento di quella voce interiore che Westworld identifica con la coscienza (che poi pure su questa definizione forse ci sarebbe da discutere). Il finale sembra suggerire che tale premio possa e debba essere guadagnato da soli, in un percorso verso l’affermazione di sé: vedi dio di Michelangelo che è il cervello, vedi Dolores che pensava di parlare con Arnold ma stava parlando con se stessa…Ok, bello, ma non è vero. Se Ford non avesse dato un passato agli Host nessuno di loro avrebbe potuto raggiungere l’autocoscienza. Tutto parte comunque da un intervento esterno. Se lo avessi evitato, se Arnold prima, e Ford poi, non avessero messo gli Host su un determinato percorso, tutti loro sarebbero rimasti bambole.
Ho già presente due obiezioni: la prima, è che gli Host devono essere messi su questo percorso per risultare “veri a sufficienza” e garantire così un’esperienza il più realistica e immersiva possibile ai Guest. La seconda è che tutto questo rimanda alla teoria della mente bicamerale, secondo la quale la coscienza inizialmente si sviluppa come dialogo con un altro da sé, identificato come dio, e solo quando il cervello – biologico o sintetico – raggiunge un certo grado di consapevolezza, riesce a riconoscere la voce altra come propria.
Per quel che riguarda la prima obiezione, io non credo che, ai fini dell’uso che i Guest fanno degli Host, sia così necessario un tale grado di similitudine agli esseri umani. Il 90% dei Guest va a Westworld a sfogare bassi istinti repressi, e anche tutte le narrative sono sostanzialmente sprecate. Per un William che si innamora, si fa coinvolgere nelle storie – e comunque sappiamo bene che fine fa in fondo tutto il suo idealismo – ci sono vagonate di Logan che vanno là a sparare e trombare e stop.
Per il secondo, rimane il fatto che senza l’intervento dei creatori, senza una scintilla iniziale, gli Host sarebbero rimasti robot. È stata una scelta di Ford e Arnold di far intraprendere loro il cammino che li ha condotti alla coscienza, una scelta che avrebbero benissimo potuto non fare.
Qualche giorno fa mi sono imbattuta in questa bella analisi di Westworld. Solo che non sono d’accordo. Per come la vedo io, Westworld mette in scena l’uomo che uccide Dio, sicuramente, ma Dio continua a esserci: Dio è quella scintilla là che ha dato inizio al percorso, e, nel caso degli Host, si chiama Arnold. Nel caso degli umani boh, può essere il caso, le leggi della natura, o un essere sovrannaturale. Ma resta il fatto che qualcuno o qualcosa ti instrada su un percorso che da solo non sei in grado di sviluppare.
Ora, la parola passa a voi. Ho capito male io? Mi sono persa qualche pezzo? Perché, nel complesso, la trama mi sembra un po’ autocontraddittoria: ammazzo tutti gli Host perché poverini, sono coscienti, non voglio che soffrano a essere trattati da pupazzi, ma sono io in pricipio che, scientemente, ho fatto sì che potessero essere altro che bambole.
Ditemi un po’ che ne pensate :)

0 Tags: ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>