FAQ

Ho notato che ci sono una serie di domande ricorrenti che mi fate sia dal vivo che nelle mail, per cui ho pensato di fare cosa gradita mettendo qui queste FAQ, che cercherò di tenere il più aggiornate possibile.

PROGETTI CONNESSI AI MIEI LIBRI

Ci sarà mai un film tratto dai tuoi libri?
Al momento in effetti c’è un progetto di riduzione dei miei libri. Più che di film, però, si parla di serie televisiva. Comunque, al momento non ci sono né regista né seneggiatore, per cui non ci resta che tenere le dita incrociate. :)

Dove posso trovare il fumetto?
Io in genere lo prendo in edicola, anche se a volte devo aspettare qualche giorno dall’uscita.

Quando uscirà il videogioco?
Il progetto al momento è congelato. Comunque, per maggiori informazioni, visitate il sito del videogioco:
Videogioco delle Cronache del Mondo Emerso

Verrai mai a fare una presentazione a…
Per conoscere tutti i miei spostamenti ti consiglio di tenere d’occhio la home page del sito, c’é un angolino dedicato proprio ai miei spostamenti, oppure iscriverti alla mailing list.

PROSSIME USCITE E PARTICOLARI SULLE TRAME E SUI PERSONAGGI

I Dannati di Malva è il primo libro di una serie?
No, è un libro a sé stante e autoconclusivo. Al momento non ho in progetto di continuare, anche se devo dire che Telkar un pochino mi è rimasto nel cuore :)


I Regni di Nashira è una trilogia?

No, sarà composto da quattro libri in tutto.

Quando uscirà il quarto libro de I Regni di Nashira? 
Tra la fine del 2014 e l’inzio del 2015.

Ho sentito parlare di un libro sul Tiranno. È già uscito? Uscirà mai?
Si tratta di un libro che ho scritto nel 2003, dopo aver finito la stesura delle Cronache. Racconta la storia di Aster fino al momento in cui non diventa effettivamente il Tiranno. Ne è stato pubblicato un estratto su La Repubblica del 15 dicembre 2007 (lo trovate anche su questo sito, qui). Il libro al momento non è stato pubblicato, e non so se lo sarà mai. Essendo un’opera scritta un bel po’ di tempo fa, stilisticamente non mi appartiene più molto, e in ogni caso soffre di un paio di problemi di trama che non ho mai risolto. Insomma, prima di pubblicarlo andrebbe pesantemente rivisto, e al momento non ho il tempo per farlo. Questo però non significa che il libro non vedrà mai la luce della pubblicazione.

SCRIVERE E PUBBLICARE

Ho scritto un libro: ti va di leggerlo e darmi una tua opinione?
Mi spiace, ma purtroppo non ho tempo per leggere inediti. Farlo è un lavoro lungo, visto che si tratta di dare un giudizio articolato, e mi prenderebbe un sacco di tempo. C’è stato un periodo in cui promettevo di leggere quel che mi mandavate, ma mi sono accorta di non riuscire mai a tenere fede alla promessa. Quindi, preferisco essere onesta e ammettere che è una cosa che non riesco a fare. Il discorso si applica anche ai racconti.

Voglio fare lo scrittore: mi dai qualche consiglio?
I consigli basilari sono pochi: innanzitutto leggi molto. Se non leggi, non puoi scrivere. Possibilmente, leggi di tutto, senza limitarti soltanto al genere che ami di più. Poi fai leggere quello che scrivi a persone del cui giudizio ti fidi, e che ti vogliano bene a sufficienza per darti anche una valutazione negativa.

Ho scritto un libro e vorrei pubblicarlo: come faccio?
Gli indirizzi delle case editrici, e soprattutto degli editor, cui spedire si trovano su internet, ad esempio su questo sito, ma non è l’unico. Non spedire mai manoscritti, ma sempre copie dattilografate. Spedisci sia in formato cartaceo che in versione elettronica (ad esempio su CD).
Un altro modo per proporre la tua opera è passare attraverso un’agenzia letteraria. Svariate agenzie letterarie valutano a pagamento i manoscritti inediti, se poi li trovano interessanti e passibili di pubblicazione, possono proporre un contratto e presentare il libro alle case editrici.
Un’altra via, gratuita, è quella fornita da siti come Lulu. In pratica loro pubblicano sul proprio sito qualsiasi libro, senza alcuna valutazione preventiva, ne danno pubblicità o lo rendono disponibile per la vendita. Stampano solo le copie effettivamente richieste dai compratori (si chiama editoria on demand), e devolvono all’autore una percentuale sul prezzo delle copie vendute. È un modo interessante per dare visibilità al proprio libro e per stamparne qualche copia, magari da presentare alle case editrici.

Ho scritto un libro e vorrei provare a pubblicarlo: come faccio col diritto d’autore?
La mia esperienza è che non c’è pericolo a spedire il proprio romanzo senza tutelarne in qualche modo la paternità. In ogni caso, se vuoi sentirti più sicuro, ci sono due vie:
. il deposito delle opere inedite della SIAE. In pratica, la SIAE a pagamento tiene in cassaforte per un periodo di cinque anni una copia autenticata da un notaio della tua opera. In caso di dubbi sulla paternità dell’opera, questa copia fa fede.
. stampare il manoscritto e spedirlo a se stessi. Quando il passo arriva, lo si conserva intonso. In tal caso fa fede il timbro postale.

Ho scritto un libro, ma è solo il primo di una saga. Mando questo primo volume alla casa editrice o aspetto di aver finito tutta la saga per proporre la mia opera alle case editrici?
Come preferisci. In generale, la casa editrice non si fa problemi a pubblicare un libro che il primo di una saga, ovviamente se il libro vale. Ti consiglierei quindi di provare anche solo col primo volume, magari allegando una sinossi dell’intera saga, se hai già in mente i successivi sviluppi della storia.

Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio 2014

I commenti sono chiusi.