Archivi tag: Monti

A caldo

La visione delle immagini che ormai tutti sappiamo, di Piazza del Quirinale in festa, delle monetine e di tutto il resto, mi induce due ordini di riflessioni.
La prima è che la storia si ripete. Sono così vecchia da ricordare Tangentopoli, e le monetine tirate a Craxi. Dopo vent’anni, stessa storia. Se vogliamo andare più indietro, in un contesto estremamente più tragico con Mussolini, fatte le debite proporzioni, finì più o meno allo stesso modo. Flirtare con la folla è pericoloso: gli stessi che venti anni prima ti hanno osannato come l’uomo della provvidenza – e per stessi intendo le stesse, medesime persone fisiche – oggi ti vedono come l’incarnazione di ogni male, ti fischiano e ti urlano dietro buffone. È la triste fine di tutti i populisti, che ad un bel momento perdono la testa e non sono più in grado di interpretare i bisogni e i desideri più oscuri della folla.
È la prima cosa che mi sono chiesta: ma quanta di quella gente in piazza sabato sera l’aveva votato tre anni prima? Quanti fino a ieri credevano alla balla dei comunisti che mangiano ai bambini, all’unto del signore, alla nipote di Mubarak?
La seconda è che forse Berlusconi è politicamente morto – forse – ma il berlusconismo è vivo e vegeto. Rifletteteci. Non l’abbiamo cacciato. Non si è dimesso perché la gente l’ha costretto, non abbiamo smesso di votarlo. Ce l’hanno tolto dai piedi Napolitano e gli speculatori. Non fosse stato per loro, lui sarebbe ancora lì. E la gente sotto al Quirinale è scesa a in ingiuriare un uomo già morto. Solo quando è stato chiaro che si sarebbe dimesso, la gente è scesa in piazza. Non prima.
Significa che non siamo guariti, per niente, che la profonda malattia della democrazia che ha permesso vent’anni di Berlusconi ancora non è stata debellata. Peggio. Non siamo neppure pienamente consapevoli di essere malati, se davvero crediamo che andato via lui tutto sarà risolto. Non è così. La consapevolezza democratica, in questo paese, è ancora ai minimi, e anche i moti di piazza sono solo il frutto di umori estemporanei, non legati ad un progetto più grande. Segno ne sia il fatto che ancora stiamo qui ad aspettare l’uomo della provvidenza. Venti anni fa era Berlusconi, adesso è Monti. “Professore, salvi l’Italia”. È quello che un cittadino avrebbe detto a Monti pochi giorni fa, stando a quanto riferisce Repubblica. E dopo Monti? Chi avrà l’improbo compito di salvarci dall’unico vero nemico che abbiamo, noi stessi? Voglio dire, ma quand’è che ci sentiremo davvero responsabili delle sorti di questa nazione? Quand’è che smetteremo di demandare ad altri meriti e demeriti? Perché qualcuno l’avrà votato, Berlusconi, qualcuno avrà trovato le sue idee condivisibili. Non è mica salito al potere con la forza. E c’è rimasto per vent’anni, regolarmente eletto per tre volte. E Berlusconi non è cambiato con gli anni. È sempre stato perfettamente coerente con se stesso, un populista salito al potere con l’unico obiettivo di curare i propri interessi. Lo si capiva perfettamente già venti anni fa.
Comunque. Adesso Berlusconi è caduto e io di Monti non so esattamente cosa pensare. Vedremo quel che farà, ma stante le premesse temo sarà il solito bagno di sangue sulla classe media e sui ceti meno abbienti, con la scusa che la congiuntura, la crisi, e tanto poi a pagare sono sempre gli stessi. E dopo Monti? Cantava De André in Verranno a Chiederti del Nostro Amore:
“Continuerai a farti scegliere
o finalmente sceglierai?”
Eh, appunto. Sceglieremo? Oppure da domani tutto come prima, tutto un “tanto sono tutti uguali, tanto sono tutti ladri, quindi rubo anch’io”? Stapperò la bottiglia di quello buono quando questo paese inizierà ad essere popolato da cittadini veri, che fanno il loro dovere in prima persona, che siano profondamente consapevoli che vivere in uno stato dà diritti e doveri, e che il governo è solo l’espressione e lo specchio del popolo. Oggi, al massimo un sorriso a denti stretti, e via con la solita vita.

34 Tags: , , ,