Archivi tag: Star Trek: Discovery

The Orville, o la buona falegnameria di una volta

È giunto il momento. Non pensavo, perché quando ho iniziato la visione ero piuttosto scettica. E invece niente, mi sto divertendo, e quindi tocca parlare di The Orville. Riassunto per chi non sapesse di cosa si sta parlando: Seth MacFarlane, quello de I Griffin, per intenderci, si è dato alla serialità televisiva, con quella che, sulla carta, dovrebbe essere una parodia di Star Trek, e che si intitola, appunto, The Orville. La prima stagione conta dodici episodi, ma è stata già approvata una seconda.
Che dire? Partiamo col fatto che, fino a oggi, MacFarlane non mi ispirava grande simpatia. A parte alcuni episodi, non ho mai trovato I Griffin nulla di diverso da una copia peggiorativa de I Simpson, di American Dad salvo solo il pesce e l’alieno – come Stewie ne I Griffin, per altro – e Un Milione di Modi per Morire nel West mi ha lasciata molto perplessa. Ho proprio problemi con la sua comicità, di cui soprattutto non apprezzo i tempi. Quindi, partivo malissimo.
Poi, però, nel quadro è entrata Star Trek: Discovery, e tutti mi dicevano che The Orville era tipo quel che Discovery avrebbe dovuto essere, e niente, le cose sono cambiate.
Ora, è più che evidente che MacFarlane semplicemente voleva rifare Star Trek, The Next Generation, per la precisione. Online c’è un video fan made che girò da pischello con gli amici rifacendo la serie classica, quindi io lo vedo che fa i paperdollari per poter un giorno soddisfare questo sogno da bambino. Il fatto che sia una parodia è una mera foglia di fico per dare una giustificazione all’operazione: si ride poco, soprattutto nei primi episodi si ride pure a sproposito, e, in generale, tutto il prodotto trasuda un amore per TNG ai limiti del feticismo. È tutto uguale. Uguale la plancia, uguale il mondo, nel quale sono stati cambiati due nomi due giusto per ragioni di copyright, uguale il sapore complessivo. Vi giuro, sono identiche pure la regia e la fotografia. Sembra un prodotto uscito paro paro dagli anni a cavallo tra la fine degli ’80 e l’inizio dei ’90. Più che una parodia, è proprio un’operazione di recupero filologico. E, in quanto tale, ai critici ha fatto schifo. Che io, in linea teorica, posso anche capire. Voglio dire, che senso ha? A parte realizzare i sogni di bimbo di MacFarlane. È una cosa del passato, superata da vent’anni, quasi trenta, di televisione che hanno asfaltato quel modo di raccontare storie. Solo che, ripeto, Star Trek adesso è quella roba indefinibile di Discovery, tutto lens flares, fotografia laccatissima, e personaggi senza senso alcuno sulla faccia della terra. E, d’improvviso, inizi a capire anche il senso di una cosa come The Orville. Che, prima di tutto, è onesta.
Non è che ti sta vendendo l’avanguardia. Non è che ti fa un titolo tipo The Butcher’s Knife Cares Not for the Lamb’s Cry per ammannirti poi Klingon che ruttano e tardigradi spaziali che fanno il verso al Dr. Who. Il gioco è scoperto fin da principio: stai guardando un clone fuori tempo massimo di TNG. C’è giusto aggiunto un po’ di quell’umorismo straniante che a MacFarlane piace tanto. E quindi sai perfettamente cosa otterrai: capitani coraggiosi – ma con quel pizzico di sfiga che uno si attende – personaggi simpatici, esplorazione. Il pregio è che si entra subito dentro il mondo: le sceneggiature sono molto semplici, ma per questo solide, i personaggi non particolarmente originali, ma perfettamente delineati, con interazioni chiare e che funzionano. Soprattutto, sembrano per davvero un equipaggio della Flotta Stellare, anche se si chiama Unione Planetaria, a differenza di quelli là della Discovery che sono un gruppo di sociopatici assemblati a caso, più un alieno col trucco più brutto che abbia mai visto.
La trama orizzontale è evanescente, come è giusto che sia, ma i singoli episodi funzionano. Non c’è niente di clamorosamente originale, le tematiche a volte sono tagliate con l’accetta, ma con un minimo di giudizio, vedi puntata sul cambio di genere della neonata, o quella, probabilmente la migliore, finora, sui social. Menzione speciale per la puntata con l’alieno pomicione, in cui finalmente l’umorismo è ben calibrato e perfettamente funzionale alla trama. Il tasso wtf delle azioni dei personaggi è tenuto al minimo, e soprattutto è una serie corale, in cui ognuno ha il suo spazio, e ci sono episodi evidentemente costruiti per farti empatizzare con ciascuno dei personaggi. Arrivata all’episodio 11, mi stan tutti simpatici, ci tengo che si salvino quando sono in pericolo, shippo Ed e Kelly, insomma me ne frega, e infatti sto andando avanti nella visione.
Non sto gridando al capolavoro, intendiamoci. Ma è una cosa fatta bene; in modo estremamente classico, e come si facevano una volta, ma bene, dio mio, bene! È come andare a farsi un giro in parco a tema storico, è una celebrazione dei bei tempi andati, e tutto sommato è un’operazione non solo con una sua dignità, ma persino con del coraggio. In tempi come i nostri, di serie ipertrofiche in cui tutti cercano, con alterne vicende, di sperimentare, di tirare fuori qualcosa di nuovo, MacFarlane si tira fuori, e fa una cosa che non ha paura a farsi superare a destra da tutto il resto della produzione televisiva contemporanea. È un lavoro di artigianato, fatto con passione e amore da chi, è evidentissimo, ama e conosce a menadito il materiale originale. È una bella e solida sedia fatta dal falegname all’angolo, contro il divano di design che è Discovery. Sulla prima almeno ti siedi e stai comoda, sul secondo non capisci neppure dove sta la seduta.
L’ho detto un miliardo di volte, forse è il segno della mia “poetica”, chiamiamola pomposamente così, di autrice, oltre che di fruitrice di prodotti pop: meglio una cosa semplice, senza ambizioni, ben fatta, che una roba che punta in alto e poi fa schifo. Non me ne faccio niente dell’originalità a tutti i costi, degli effetti speciali, dell’aggiornamento alla contemporaneità, se poi dei personaggi mi frega meno di zero, se le storie d’amore che mi proponi sono l’epitome della sciatteria, e se mi annoio per tre quarti della puntata. Lasciamo lo sperimentalismo, anche se mi accorgo che è termine improprio, a chi sa farlo, e in questo periodo abbondano, francamente. Se sai fare solo le sedie, e le sai fare bene, fai quelle.
Non se consigliarvela. Mi rendo conto che per certi versi è una cosa un po’ da nerd veri. MacFarlane è uno di noi, nell’episodio 11 cita il Dr. Who, quindi non credo sia una cosa per tutti i palati. Ma se vi piacciono le serie come le si faceva quando ancora li chiamavamo telefilm, e siete abbastanza tolleranti con l’umorismo fuori luogo – e comunque ce n’è poco – io direi di andare. Di onestà intellettuale in giro ce n’è pochissima, meglio premiare almeno quella di The Orville.

1 Tags: , ,

Doppia recensione: Star Trek Discovery, Stranger Things 2

Questa settimana ho finito di vedere due serie che seguo: Star Trek Discovery e Stranger Things 2. Considerando che mi hanno generato una gamma di emozioni che si posizionano esattamente agli opposti dello spettro di gradimento (dio come fingo bene di essere una persona seria…), ho pensato di inaugurare un nuovo format: la recensione doppia. Vi dico cosa ho pensato dei due prodotti in un solo post. Ahò, capace che questo sia l’unico esperimento del genere, e non lo ripeterò mai più, o magari lo rispolvererò in futuro per parlare di due cose che invece mi sono piaciute un sacco. Oggi, però, vi beccate la contrapposizione.
Ci sono SPOILER.
Cominciamo con Star Trek. Magari saprete che ne ho già parlato in passato, e in termini non esattamente entusiastici. Infatti, arrivati alla terza puntata, mi sono fermata e ho smesso di recensirlo, se non con brevi highlights su Twitter. Ora siamo arrivati al mid-season finale, e si può fare qualche considerazione più ragionata.
È che secondo me Discovery rappresenta un po’ tutto quello che che non si dovrebbe fare in termini di scrittura. Non si tratta più della mancanza dello spirito trek, una cosa che si dimentica completamente verso il quarto episodio. È proprio che a me questa serie non appassiona, a nessun livello. Non mi appassiona la trama, non mi appassionano i personaggi…e il più delle volte passo il tempo a cercare di capire secondo quale logica intera – o solo logica tout court – un certo personaggio ha detto-fatto una certa cosa. Tutto accade perché deve, in una progressione degli eventi che però sembra condurre verso il nulla.
Giuro, dopo nove episodi io non riesco ancora a capire di cosa parli Discovery, né verso quale direzione la trama stia andando. Non è la storia di un’esplorazione, almeno fin qui; non è la storia di una guerra; non è neppure una storia di redenzione, anche se forse le intenzioni degli autori erano queste, visto certe cose buttate là su Burnham e Lorca. Non c’è neppure un chiaro sviluppo dei personaggi, che cambiano di continuo sotto la spinta della mera sceneggiatura (Lorca stronzo che manda l’ammiraglio a morire per togliersi dalle scatole un testimone scomodo, no, Lorca eroe che vuole salvare il pianeta dei cosi incorporei dai Klingon; Tyler traumatizzato a comando; Stamets cinico scienziato, no Stamets si sacrifica per salvare la baracca). Intendiamoci, la natura umana è una roba complessa, e non ho nulla contro i personaggi ricchi di chiaroscuri, anzi. Ma qui non c’è un collante che tenga insieme questa gente nella sua psicologia, tanto che appare non averne nessuna. Le cose succedono, e non c’è un filo logico. Piani malvagi che non capisce dove vadano a parare (la Klingon e l’ammiraglio, che sono quindici giorni che cerco di capire cosa esattamente avessero in mente di fare), scene incomprensibili che sembrano non portare da nessuna parte (Stamtes nello specchio), gente che prima si preoccupa, poi pure ‘sti cazzi (Culbert che lascia tranquillamente che Stamets faccia un ultimo salto senza che Lorca abbia giustificato in alcun modo questa cosa, e dopo che lo stesso Stamets ha rischiato di morire con gli incomprensibili 133 salti necessari per crackare l’occultamento Klingon). È tutto così. Succedono cose evidentemente decise in fase di sceneggiatura perché sì e basta. I personaggi non sembrano neppure pensati, e quindi figurarsi ben scritti. Io non riesco a descriverne in due parole neppure uno. Lorca cos’è? Un guerrafondaio? Un pusillanime che non s’è capito che ci fa in mezzo alla Flotta Stellare? Saru, a parte avere paura, cos’è? E perché si sono presi uno che c’ha sempre paura a bordo? E l’incomprensibile – e insopportabile – roscia sociopatica? Taccio sulla love story Stamets-Culbert, che per una che ha seguito la storia d’amore Agron-Nasir di Spartacus, in confronto siamo a livello “cotta dell’asilo”.
Però nessuno la pensa come me. Discovery piace e appassiona più o meno tutti, il che mi induce a credere che c’è qualcosa che mi sfugge o mi manca proprio. E, visto il lavoro che faccio, inizio pure a preoccuparmi.

Dall’altro lato dello spettro della buona scrittura, invece, si posizione Stranger Things. Tutto. Mi concentrerò solo sulla seconda stagione giusto perché è la novità, ma quanto dirò si può tranquillamente applicare anche alla prima.
Stranger Things non ha un’idea originale alla base. Stranger Things non ha neppure personaggi particolarmente originali, e un disbrigo di trama assolutamente lineare: tutto va più o meno come deve andare, e anche le sottotrame cercano di starsene ben appiccicate alla trama principale. Eppure, appassiona un botto. Mi c’è voluto un solo episodio per affezionarmi pressoché a qualsiasi personaggio della serie, e voler sapere come continuava, anche se era una “serie di mistero” e dopo la sòla di Lost ci vado sempre coi piedi di piombo con prodotti del genere. Prova ne sia l’affetto che la gente ha mostrato per Barb, un personaggio che definire secondario è fargli un complimento, ma la gente ci stava così tanto dentro che anche Barb sembrava una della famiglia, e tutti l’hanno pianta.
Ecco. Perché, dannazione, qua è tutta questione di come racconti le cose. E anche dell’onestà di fondo, diciamocelo. Non lo so, avete visto i titoli degli episodi di Discovery? Sembra di leggere Shakespeare: e il coltello che non si cura del pianto dell’agnello, e gente che si addentra nella foresta…C’è una pretenziosità del tutto ingiustificata in un prodotto pop. Stranger Things è invece onesto. Onesto intrattenimento coi mostri, aderente ai canoni del genere in modo commovente. Ma in cui i personaggi, le ambientazioni, qualsiasi cosa sono scritte e girate con una cura maniacale. Pensiamo già solo all’ambientazione anni ’80, curata alla perfezione, non soltanto nelle ambientazioni, ma nelle tematiche, nella musica, in qualsiasi cosa. E la storia è semplice e lineare, ma acchiappa proprio per questo. L’altrove, il mostro, l’amicizia che ci permette di salvarci…tutte cose scontate e banali ma che ci continuiamo a raccontare secolo dopo secolo per una ragione, e cioè che sono radicate profondamente in noi, nella nostra esperienza di vita, e ciascuno di noi le ha vissute a modo suo, come fosse stato il primo a farlo.
Avevo paura della seconda stagione. La prima era perfettamente chiusa in se stessa, tranne un piccolo gancio sulla successiva, ed era così perfetta, così graziosa…E invece la seconda stagione è riuscita nell’impossibile: espandere per quanto possibile il mondo della prima, mantenendo però lo spirito complessivo della serie, e creando qualcosa che aveva ancora il sapore della prima, ma portava tutto su un altro livello. Ora, per carità, ci sono state delle soluzioni di scrittura pigre, personaggi un po’ attaccati con lo sputo (Billy, per dirne uno), e la famigerata puntata 7, che sembra effettivamente infilata là a perder tempo, e porre inquietanti premesse per la terza stagione. Ma, voglio dire, nonostante tutto lo sguardo di Mike quando rivedere El mi ha spezzato il cuore, e il dialogo in macchia tra El e Hopper è stato fantastico, e quando Bob fa la fine che fa, chi non ha pianto?
Io amo Hawkins, amo i ragazzi, amo Joyce e amo questa serie, che fa quello che qualsiasi serie dovrebbe essere in grado di fare: appassionare e divertire. E tanto più l’ammiro perché lo fa con una storia trita e con personaggi classici. Ci vuole talento vero a mettersi in un solco battutissimo e tirarne fuori qualcosa di così bello e ben fatto. Perché, ripeto, le cose le devi saper raccontare. Il come spesso conta più del cosa. In Stranger Things ogni inquadratura trasuda angoscia e tensione. C’era una scena in cui Will, di notte, andava in bagno, e io già sudavo quando l’inquadratura ci mostrava solo un rubinetto che perdeva e un orologio che scandiva i secondi.
Insomma, sono davvero contenta di aver iniziato a vederla, entusiasta della seconda stagione e in trepidante attesa della terza. Mentre, per quel che riguarda Discovery, anche ‘sti cavoli, direi. E con questo ho detto tutto.

3 Tags: , ,

Star Trek Discovery 1×03. Cioè, boh.

Non so esattamente perché continuo con questa storia delle recensioni a Discovery. Il contenuto è sempre abbastanza prevedibile, e, oltre un certo limite, diventa accanimento. Per cui, non so, forse mi fermo con questa, che almeno ha la giustificazione di essere una puntata vera della serie, a differenza dei primi due episodi/film, che erano solo una premessa. Ci saranno SPOILER.
Dunque, in teoria questo è un episodio regolare, che dovrebbe dare il sapore del resto della stagione. Siamo sull’eponima Discovery, conosciamo l’equipaggio. Vi risparmio le lamentazioni “non è Star Trek” perché ormai è più che chiaro che nulla, a parte i badge, richiama quel mondo là: non l’atteggiamento generale dell’equipaggio, non il passo della puntata né le sue tematiche. È una serie di fantascienza qualsiasi. Per quel che riguarda lo spirito, è ancor più lontana dallo Star Trek non dico di TOS, ma pure di Enterprise, di quanto non fosse il doppio pilot. Invece, è vicinissima a Battlestar Galactica, e infatti ritroviamo pure Rekha Sharma (ammirate il mio superpotere di riconoscere le facce degli attori di serie in serie!). Siamo in guerra, succedono cose brutte, i buoni si devono sporcare le mani, tutto è vagamente minaccioso. Solo che giocare sul campo di Battlestar è suicida, e infatti, se il modello è quello là, siamo lontani anni luce, sia a livello di tensione narrativa (e grazie: lì l’umanità era sull’orlo dell’estinzione, qua c’è una vaga guerra coi Klingon, che, in questa puntata, neppure vediamo) sia di indagine psicologica. Però la puntata bene o male scorre, come sempre piuttosto bella a vedersi. Tutto dà l’impressione di essere curato: bella fotografia (presa sparata da JJ), bella musica non invasiva…però oltre a questo, boh…A parte cose che non ho capito, tipo perché non si usi più fare lo scanning per le forme di vita a bordo, prima di salire su una nave vittima di un incidente misterioso, o perché, se si sa perfettamente cosa è accaduto, come Lorca lascia intendere negli ultimi secondi di puntata, non si prendano precauzioni maggiori per il landing party, mi sembra tutto molto derivativo. A parte il già citato Battlestar, abbiamo anche un grosso debito verso Alien, con la creatura misteriosa che te se magna mentre le luci lampeggiano il giusto per non farla vedere troppo. Solo che nessuno dei riferimenti sembra messo là per avere un reale senso narrativo, quanto piuttosto perché è la roba che tira al momento. Cerco di spiegarmi. Non c’è nulla di male a prendere da altro materiale, a citare più o meno esplicitamente, a patto che il pout pourri finale abbiamo un gusto omogeneo, e risulti soprattutto in qualcosa di nuovo. Che ne so, Tarantino copia a piene mani, ma si vede che è uno che quel materiale l’ha rielaborato, cosicché ogni citazione s’inserisce perfettamente all’interno di qualcosa che è nuovo, diverso, illuminato dal vissuto e dalla poetica dell’autore. Sto diventando troppo poetica…vabbè, Discovery mi sembra semplicemente un patchwork di elementi disomogenei e già visti, cui non viene aggiunto qualcosa di nuovo. Men che meno c’è un tentativo di prendere una nobile ascendenza – Star Trek – e rielaborarla rimanendo comunque nel solco di quella tradizione. È pura operazione JJ-Trek, puramente derivativa, al massimo citazionista tanto per. Metatestuale, in questo senso, è Burnham che, mentre scappa per salvarsi la vita, cita a muzzo Alice nel Paese delle Meraviglie. Così, senza un perché. Tutti quando stanno a mori’ citano i classici della letteratura. Io, in caso, ho pronto un pezzo dell’Iliade. Ecco, la puntata è così: cose citate, ma senza capire perché, e come.
Andiamo mediamente bene sui personaggi, che, in effetti, che, infilati in un contesto simil-Trek risultano abbastanza originali. Tranne Lorca, che non potrebbe mai essere capitano nell’universo classico di Star Trek, ma tanto abbiamo detto che questo non è Star Trek, e quindi amen. Però, anche qua, non è che senta uno straordinario trasporto verso di loro. La tipa riccia già la odio, ed è il solito personaggio simil-asperger-simil-autistico che ormai ci deve stare per forza. L’astromicologo è un altro campione di simpatia, però ha una specializzazione intrigante che spero mettano a frutto (ma so già che non lo faranno…). Mi si ammoscia Saru, che ormai mi interessa solo perché è troppo bello il modo in cui si muove l’attore. Lo guardo e mi ricordo il fauno dell’omonimo Labirinto o Abe di Hellboy, e penso che prima o poi uscirà A Shape of Water e io sarò una bimba felice. Burnham ci dimentichiamo tutta la parte Vulcaniana, è una terreste qualsiasi molto figa in fisica. Ormai appartiene al ramo “personaggi dannati con grossi peccati da scontare”. E li va a scontare sulla nave con un capitano con la faccia di Lorca, pensa te.
Per quel che riguarda la trama fin qui, tutti sappiamo che quella dei midichlorian de noantri è una cazzata, no? Dieci anni dopo l’Enterprise non ha il dono dell’ubiquità, ergo o il piano fallisce, o, come suggeriscono gli abbondanti cadaveri tra i quali si trastulla Lorca nel tempo libero, stanno effettivamente creando un’arma biologica o giù di lì, e Burnham gli serve per qualcosa che scopriremo poi. Qualcuno mi spieghi anche la galeotta che doveva essere confinata nei suoi alloggi mentre lavorava, e poi se ne va in giro a cazzo ad aprire a sputazze sezioni segrete della Discovery. Erano tutti un gran bel convinti che avrebbe accettato di unirsi alla crew per metterle in mano pezzi di codici compromettenti (ma non dove a lavare la carrozzeria del pulmino della polizia penitenziaria?) e farla infilare dove non dovrebbe. Avrei da ridire anche sul metodo dell’alitosi per aprire le porte: se aliti non sono così convinta che vengano fuori anche pezzi di saliva da cui risalire al tuo DNA e aprire la baracca. A questo punto potevano aprirle a leccate sulle serrature, ma forse se lo tengono per la versione porno.
Quindi, in sintesi? Andiamo a vedere dove va a parare. Molte delle cose che io non ho capito qua immagino saranno spiegate più avanti, ma il disprezzo totale per l’utopia trekkiana comunque mi irrita molto. Cercherò di brasarmi il cervello dal brand, che è meglio.

8 Tags: ,

Star Trek: Discovery. Recensione seconda parte

E, come promesso ieri, seconda parte della recensione. Che a questo punto non so esattamente a cosa serva. Per spiegarvi il perché, dovrò fare dei grossi SPOILER, quindi giudicate voi se proseguire o meno con la lettura.
Sicché, quello cui abbiamo assistito era un prologo. Al momento, di Star Trek: Discovery conosciamo un solo personaggio, forse due. Non sappiamo nulla dell’eventuale nave, o dell’equipaggio, che attraverseranno la serie. Non sappiamo neppure se ci sarà, una nave, o se infine Star Trek: Discovery non sarà un’unica trama orizzontale centrata solo Burnham. Cioè, lo sappiamo, ma da Wikipedia, non dalla serie, che finisce col cliffhangerone, che, al momento, è l’unica ragione per tirare innanzi con la visione.
Siamo insomma un po’ dalle parti di Battlestar Galactica, che iniziò con un film che spiegava un po’ tutto. Solo che lì avevi un’idea chiarissima e dei personaggi, e di dove si voleva andare a parare. Qua no. Qua, io, in tutta franchezza, mi sono sentita presa un po’ per i fondelli.
Nulla da aggiungere alla recensione di ieri, se non che aumenta il tasso del “what the fuck?”. Voglio dire, la dinamica e la realizzazione del brillantissimo piano di Georgiou e Burnham non è per nulla chiara. Dicono di voler fare una cosa, poi finisce che ne fanno un’altra, in un piano, comunque, abbastanza suicida proprio di suo. Non si capisce poi perché Burnham spari a T’Kuvma; hanno dimenticato come si mettono i phaser su stordimento dai tempi di Archer? Ma poi proprio lei che aveva detto che era importante prenderlo vivo, che sennò diventava una martire, e tutte cose assolutamente ragionevoli, che poi manda in vacca una volta là sulla nave Klingon. Vabbé. Incomprensibile anche il pippone di Georgiou, che, a fronte dell’esposizione di un piano ragionevolissimo da parte di Burnham, parte per la tangente con le solite storie sul fatto che lei è mezza vulcaniana, e pensavo che potessi essere umana a sufficienza, e mi hai delusa, e pensare che ti volevo dare una nave. Boh. Tutto molto calato dal cielo, tutto un po’ incomprensibile.
Confermo anche che i Klingon non si possono né vedere né sentire. Tra l’altro i lunghi dialoghi in Klingon sono veramente da far scendere il latte alle ginocchia. Puro nerd porn infilato pure male.
Infine, una nota positiva. Burnham è un personaggio che in alcun modo è caratterizzato dal punto di vista del genere. Pensateci. È una persona. Non è una donna che fa cose da uomo, non è una donna con problemi da donna. È un primo ufficiale mostrato esclusivamente nell’azione, e le cui pippe esistenziali non sono caratterizzate come “femminili” o “maschili”. Ce le potrebbe avere un uomo, come le potrebbe avere una donna. Ed è una roba enorme per quanto mi riguarda, che potrebbe farmi riappacificare con un personaggio che mi sta abbastanza sulle pelotas da quando l’ho vista apparire. Questa è la normalità di un mondo in cui, finalmente, frega cazzi se sei dotato di pene o vagina, e nessuno rimarca che stai facendo cose da uomo, e quanto sei figa perché lo fai. Sei un ufficiale della flotta stellare, punto. Il tuo sesso è assolutamente secondario e non influente. E la cosa è evidente anche in Georgiou. Forse è questo il primo vero elemento di originalità in una cosa che al momento mi sembra un po’ né carne né pesce. Staremo a vedere. Ah, la battaglia navale è stata una roba abbastanza statica, ma mi rendo conto che tra Star Wars et similia lo standard era piuttosto alto e difficile da raggiungere.
Ci vediamo la settimana prossima? Col prossimo episodio sì, con le recensioni non lo so, dipende. A voi andrebbe?

2 Tags: ,

Star Trek: Discovery, la recensione in due parti

No, non è che ho iniziato con le trilogie anche sui post. È che io ieri sera ho visto solo il primo episodio, non so se il secondo lo vedrò stasera, e quindi intanto mi porto avanti con le riflessioni con quanto ho visto. La seconda parte, dopo la seconda visione.
Per una volta faccio la donna che premette (Caparezza cit.), e premetto che parto prevenuta. Non ci posso fare molto, se non, appunto, dirvelo. Non ho amato i reboot cinematografici (a parte Beyond), non vedo neppure la necessità di aggiornare il franchise, visto che mi pare che nessuno al momento sia ispirato da quei principi di fratellanza e umanità che ci hanno dato Star Trek. Lo Zeitgeist tira da un’altra parte, per questo, a mio parere, un nuovo Star Trek finirà comunque per tradire lo spirito trekker. Detto questo, decidete voi se proseguire con la lettura. Premetto anche che, pur avendo una discreta conoscenza del canone (tutta TNG, tutta Enterprise, tutti i film, episodi sparsi delle altre serie), non mi definisco una trekker, ma il trekker ce l’ho in casa, ed è il marito. Detto questo, proseguiamo. Ci sono SPOILER molto minori.
Il mio problema probabilmente è che ho visto troppe cose in vita mia, e le vedo in trasparenza ovunque. La sigla – che ho dimenticato contestualmente all’ascolto, perché è davvero la cosa meno orecchiabile abbia mai ascoltato – m’ha ricordato quella di Da Vinci’s Demons, i nuovi Klingon sono pari pari gli Uruk-hai di Jacksoniana memoria, il resto è preso di peso dai film di J. J. Abrams. Non so se è un problema, ma non ho visto particolari elementi di originalità; è un pout-pourri delle cose che vanno in questo momento storico, compresa la dialettica pacifista-guerrafondaio che in genere va a vantaggio del secondo, perché a noi il buonismo non ci piace, dato anche che il cattivismo, fin qua, ci ha portati tanto avanti sulla scala evolutiva. Però è un buon prodotto, fatto con cura: bella fotografia, gran belle interpretazioni, a me sono piaciuti pure gli effetti speciali fin qua.
Strizzata d’occhio all’attualità per i Klingon che non vogliono essere culturalmente assimilati. Già visto il primo ufficiale combattuto tra cuore e ragione, mezzo vulcaniano nell’animo (e quando mai…qua pare che non è Star Trek se non c’è un cappero di vulcaniano combattuto tra ragione e sentimenti), col passato traggggico. Praticamente Spock dei nuovi film, in versione femminile. Tra l’altro, noto che i criteri di avanzamento di carriera nella Flotta Stellare non sono decisamente quelli dell’Università italiana, visto che il primo ufficiale c’ha dodici anni per gamba, ma è, appunto, primo ufficiale, e, secondo il suo comandate, pronta per il comando. Una che incontra un Klingon, razza che gli umani non frequentano da cento anni, e la prima cosa che fa è porgergli un saluto d’acciaio lungo mezzo metro direttamente nella panza. Viva la diplomazia.
Apprezzato invece il capitano, che è anche lei un gran bel cliché trekkiano, ma è praticamente Picard in vesti femminili, e io un personaggio femminile così, in Star Trek, non lo ricordo. Non conto la Janeway che mi stava simpatica, ma non brillava decisamente per carisma, mentre Michelle Yeoh, ahò, è Michelle Yeoh.
Il personaggio che m’intriga di più è Saru; scopro che lo interpreta l’attore feticcio di Del Toro, Abe di Hellboy, per capirci, e forse è per quello :P . Comunque, è una razza nuova, ed è un tipo particolare, con una storia alle spalle che spero approfondiranno, e un approccio al suo mestiere di ufficiale scientifico quanto meno insolito.
Due note secche di demerito: una, i Klingon. Ai quali è stato cambiato l’aspetto fisico solo e soltanto per uniformarlo a quello dei film. Ora, io capisco che già in passato i Klingon hanno avuto un restyle, ma non vedo perché farlo di nuovo. Sono brutti, invece di parlare ruttano, e ogni volta che li vedo mi appare la buonanima di Saruman.
Seconda nota: non frega a nessuno, ma questo ignorare completamente la collocazione temporale di Discovery rispetto alle altre serie m’infastidisce. Mi spiego: Discovery viene una decina d’anni prima di TOS. In teoria, la tecnologia usata dovrebbe essere in linea con la serie classica. Invece il cavolo. I nostri hanno roba che manco Picard è soci duecento anni dopo. Tipo, avete mai visto Picard parlare in diretta olografica con un ammiraglio? Enterprise secondo me aveva trovato un buon compromesso: appeal generale adeguato all’epoca di produzione, in termini di effetti speciali, ma tecnologia in qualche modo resa più rozza, rispetto alle serie Trek successive. Qua no. Qua è evidente che ci vogliono soprattutto stupire con gli effetti speciali, in tutti i sensi, e quindi via di roba indubbiamente bellissima, piacevole da guardare, ma che uno si chiese esattamente cronologicamente ‘ndo stamo rispetto a Kirk. In un universo parallelo? Me sa.
Infine, la trama sembra allinearsi sul film di menare. Si picchiano. Capiamo anche che si picchieranno pure in futuro, perché sono diversi, e quindi non si capiscono, eccetera. Vabbè, non è un problema, l’azione, ma se dopo ci infilano pure un minimo di filosofia sarebbe meglio. Perché, per come la vedo io, Star Trek non è solo il mito della frontiera e l’esplorazione, né solo l’azione: è soprattutto l’utopia di un’umanità che si è finalmente liberata dei suoi difetti, e che in ogni puntata deve mettere alla prova le proprie convinzioni etiche scontrandosi con la diversità, quella vera. Ed è una cosa al momento più profonda di quel che ho visto in questi 45 minuti.
Comunque, è un prodotto che si fa molto vedere, tutto sommato piacevole. Andrò avanti – anche perché ci andrà il marito :P – ma, devo dire la verità: secondo me lo spirito di Star Trek sta tanto di più nel Dottor Who, che ha avuto le palle di mantenere in sessant’anni quell’idea lì di fantascienza. Qui invece tutti derivano verso la space opera.
Lascio qui queste riflessioni; magari, dopo la seconda parte cambierò radicalmente idea. Sarà divertente vedere quante di queste cose che ho detto verranno contraddette :) .

1 Tags: ,